Slaves On Dope Over The Influence

Slaves On Dope Over The Influence Recensione

Slaves On Dope Over The Influence Recensione

Settima release dei canadesi Slaves on Dope, che hanno pubblicato in questi giorni “Over The Influence”. Il disco non convince fin dall’inizio. Il nu metal, come punto cardine, ha una certa dose di rabbia e aggressività come forma di protesta. Caratteristiche che in questo full length di 11 pezzi manca totalmente. Sebbene si senta che la band crede fermamente in ciò che dice, è la forma che viene a mancare, non riuscendo così a supportare la causa fino in fondo. Non c’è mordente, non un pezzo dall’arrangiamento accattivante, niente. Quando va bene ci ritroviamo di fronte a canzoni anonime, quando va male ascoltiamo brani attraversati da urla a caso. E, ahinoi, tutti i brani si somigliano a vicenda. Questo è il sintomo inequivocabile di stanchezza per eccellenza. Forse è tempo che gli Slaves on Dope considerino l’idea di virare verso un rock più abbordabile, perché probabilmente non hanno più cartucce utili per il nu metal.

Claudia Falzone


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.