The Doormen Black Clouds

The Doormen Black Clouds

The Doormen Black Clouds

La band ravennate si presenta alla seconda prova discografica con un’inconfondibile mood british. Nelle dieci tracce di questo “Black Clouds” non troviamo nessuna rimembranza di sagre, balli e feste tipiche da delta del Po, loro terra d’origine, ma la voglia di abbeverarsi a piene mani dalle acque dell’estuario del Tamigi. Così i brani si dipanano tra la new wave indie degli Editors e il brit/glam degli Suede. Mostrando un lavoro accurato sulle melodie e sulle amalgame musicali spinte dalla produzione di Paolo Mauri (Afterhours, Le luci della centrale elettrica, Massimo Volume), in una quarantina di minuti il suono si fa epico, romantico e a volte più scuro, proprio in linea con i gruppi di riferimento.

Luca Freddi


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.