Underoath – Ø Disambiguation

Underoath Disambiguation recensione 2010 2011
Perso Aaron Gillespie, storico batterista/cantante e unico componente rimasto della lineup iniziale, gli Underoath diventano una band come tante nel panorama metalcore. Disambiguation non è un disco brutto; semplicemente si sono perse tutte quelle sfumature che rendevano particolare e, a detta del sottoscritto, migliore di molti altri la proposta della band floridiana. Le backing vocals di Timothy McTague non reggono il confronto con l’illustre predecessore e la musica, pur prendendo interessanti spunti (su alcune parti sembra di sentire i Deftones), ha l’enorme difetto di non avere mordente.

Disambiguation è meglio di molte uscite provenienti da altre band, ma i fasti di un Lost In The Sound Of Separation sono, ahimè, lontani.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.