Music Attitude

Testament – The Brotherhood Of The Snake

Testament

testament-the-brotherhood-of-the-snake

Negli ultimi anni i Testament non sono stati particolarmente prolifici: dal 1999 ad oggi hanno pubblicato il bellissimo The Gathering (1999), The Formation of Damnation (2008), Dark Roots of Earth (2012) e questo “Brotherhood of the Snake” (First Strike Is Deadly lo lasciamo fuori, anche se spaccava, in quanto rivistava i primi due leggendari album).

Il nuovo cd si apre con la title track, seguita da “The Pale King” e “Stronghold”: violenza sonora e doppia cassa a velocità vertiginose, esattamente ciò che bramavamo. “Seven Seals” e “Born in a Rut” danno un attimo di respiro, con un ritmo più cadenzato e lento ma senza mai calare di potenza, prima di “Centuries Of Suffering” con la sua furia sonora brutale. “Neptune’s Spear” e “Black Jack” tengono il passo, seguite dalla curiosa “Canna-Business”, che devia dall’argomento principale dell’album senza abbandonare il mood complottista. “The Number Game” chiude veloce, aggressiva e potente.

Non è tutto oro ciò che luccica tuttavia: tallone d’Achille dell’album potrebbero essere i testi di questa sorta di concept, che raccontano di una razza aliena discesa sulla Terra all’alba dei tempi e della Fratellanza del Serpente, che da allora domina segretamente la terra decidendo nell’ombra i destini dell’umanità. Non proprio qualcosa di clamorosamente concettuale diciamo. Per il resto Eric Peterson si è occupato delle musiche: base ritmica potente e aggressiva, riff vigorosi e solos ispirati. Le parti vocali del leggendario Chuck Billy invece risultano eccellenti. Il singer si esprime ad altissimi livelli questa volta, alternando con inconfondibile capacità le parti in growl e quelle pulite.

Nel complesso “Brotherhood of the Snake” è un album che non delude, e fa trovare ai fan del thrash metal esattamente quello che stanno cercando. La classe e l’esperienza dei veterani della scena si fa sentire. I nostalgici esulteranno, le nuove leve potrebbero riscoprire un gruppo troppo spesso dimenticato.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.