Music Attitude

J-Ax – Meglio Prima (?)

J-Ax Meglio Prima Recensione

È un genere tutto suo. Bisognava pur suggerire qualche coordinata a chi da sempre cerca di raccontarlo per categorie. Il Rap ‘n’ Roll si manifesta in maniera definitiva in “Meglio Prima (?)”, il quarto lavoro solista di J-Ax. L’artista milanese torna in grande spolvero con un album che racconta di sé e della società che gli ruota intorno con la rabbia, l’ironia e l’irriverenza che da sempre lo contraddistinguono. Il tutto arricchito da un’ampia varietà musicale con skretch, effetti elettronici e le schitarrate targate Guido Style. Un mix di ritmi che conferma la continuità stilistica con i migliori pezzi delle ultime due produzioni. Le graffianti rime dell’ex Articolo 31, poi, sono una garanzia e il disco gira che è un piacere.

“Meglio Prima (?)”, il punto interrogativo non lascia alcun dubbio. Una dichiarazione da non prendere sul serio, soprattutto se a dirla è uno che da sempre non ama i nostalgici, che pensa al futuro e che guarda indietro solo per ricordare con rispetto il percorso artistico che lo ha condotto fin qui. La sua carriera è iniziata per ben due volte e in entrambe ha avuto modo di sorridere. La seconda, però, è tutta sua. Meglio prima? Forse no.

L’album viaggia tra denuncie sociali, semplici piaceri quotidiani, testi urlati e altri a tratti comici. Spesso “sgarbati”, ma schietti e senza peli sulla lingua. L’autoironia, poi, è il marchio di fabbrica e condisce racconti in rima sul proprio aspetto, la propria musica e le abitudini notturne.  C’è spazio anche per la dichiarazione d’amore rivolta alla moglie, ma a modo suo e non in stile “lentone strappamutande”.

Dalla title-track (stavolta senza punto interrogativo) a “Musica di rabbia”, da “Ancora in piedi” a “Dentro me” (dedicata ai propri seguaci) ne ha una per tutti: perbenisti, regine della scena,  l’Italia in infradito che rimanda tutto a settembre, chi l’ha data con giudizio, chi non ha ancora spento la De Filippi e chi lo preferiva con “Tranqui Funky”. Ma in “Meglio Prima (?)” non emerge solo il lato più sfacciato e insolente dell’artista. Il suo mondo intorno non è poi tutto da buttare, anzi, con “Altra vita” confessa di non voler nulla che non sia la sua strada di provincia e il suo Paese. Il pezzo è il più emotivo di tutta la scaletta e la base acustica regala una pausa di tre minuti prima del finale. La cassa spinge e spuntano le collaborazioni. “Reci-divo” ospita Jake La Furia dei Club Dogo, mentre in “Questi ragazzini” esordiscono al fianco di Ax il rapper romano Canesecco e Mistaman. Bastano un paio di ascolti e alcuni brani vanno in loop. Le basi sono trascinanti e il pensiero è già ai live che a breve, e per un mese, infuocheranno i palazzetti italiani.

L’ascolto è più che consigliato. Alza il volume e “vai bello”.

Riccardo Rapezzi

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.