[Jazz-Core/Avanguardia] Zu – Carboniferous (2009)

 

Ostia – Chthonian – Carbon – Beata Viscera – Erinys – Soulympics – Axion – Mimosa Hostilis – Obsidian – Orc

http://www.zuism.com
http://www.ipecac.com

Appena si è afferrati dal muro di elettronica maligna à la Aphex Twin di “Ostia”, si capisce  immediatamente che la musica di casa Zu è mutata ancora una volta. Quello mostrato in “Carboniferous” è probabilmente il volto più oscuro, contorto, cattivo e metallico del trio romano, in grado di raggiungere mostruosi livelli di compattezza e spigolosità.

Come sempre, gli ospiti sono prestigiosi: Mike Patton, oltre a pubblicare il disco sotto i tipi della sua Ipecac, dona la voce a “Soulympics” e “Orc”, mentre King Buzzo suona la chitarra in “Chthonian”. Entrambe le prove sono eccellenti e dimostrano che queste collaborazioni non sono state fatte a casaccio, anzi si attagliano perfettamente all’atmosfera generale dell’album, che in ultima analisi è il più zorniano della loro carriera.

John Zorn, già. Sin dai loro lavori storici, “Bromio” e “Igneo”, gli Zu sono stati annoverati tra i più interessanti discepoli del sassofonista newyorkese. Non che fosse sbagliato, ma personalmente ho sempre ravvisato maggiori somiglianze con la prima ondata free jazz, quella degli anni Sessanta: più Ornette Coleman, Albert Ayler e Archie Shepp, quindi; e gli omaggi a Coltrane ed allo stesso Albert contenuti in “The Zu Side Of Chadbourne” sembrerebbero darmi ragione.

Mentre “Carboniferous”, nella sua completa eterogeneità stilistica, capace d’inglobare techno e metal, hardcore e ambient, math – rock e noise – rock, progressive e jazz, si distanzia dall’omogeneità strutturale che, tutto sommato, i suoi predecessori avevano sempre mantenuto, pur tra mille bizzarrie sonore, e si avvicina piuttosto all’idea che sottostà a molte delle prove più feroci di Zorn, ossia colpire, spaventare e massacrare l’ascoltatore utilizzando ogni mezzo disponibile.

L’obiettivo è comunque pienamente raggiunto, si tratti di condensare Shellac e Pantera in un unico pezzo (Carbon), di far cozzare Coltrane e Don Caballero fra loro (Beata Viscera), di proporsi in torrenziali tour de force jazz – core (“Erinys”, tutto sommato il brano più radicato nel loro vecchio stile), oppure di citare i Big Black e di alienarli ulteriormente in un calderone ritmico nero pece di meshugghiana memoria: questo accade in “Chthonian”, miglior composizione del disco.

Ma ogni traccia ha un suo perché e una sua specifica funzione, e nessuna risulta essere inutile riempitivo. Su tutte, poi, grava una cappa di rabbia, sconforto e ansia, di nevrastenia impossibile da controllare, il che fa di “Carboniferous” il capolavoro degli Zu, nonché ideale colonna sonora dei tempi orribili che stiamo vivendo.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.