Lady Gaga – Born This Way

Lady Gaga Born This Way

Lady GaGa per noi è sempre stata ok, lo dicevamo già da tempi non sospetti. La sua fama se l’è meritata col suo lavoro. Tutto l’hype attuale, come spesso capita, è più figlio del caso e del ‘contorno’ che della musica in sé…ma va bene così. Se ne parla troppo? Ha raggiunto la saturazione? Probabile. Inizia a farla un po’ fuori dal vaso? Quando si arriva a certi livelli è facile perdere la bussola ma restare sopra le righe è anche parte del suo personaggio. Se poi la musica che viene fuori è solida e sinceramente sentita, le possiamo perdonare peccati veniali come l’ennesimo sfruttamento dell’iconografia cristiana a scopo scandalistico, il plagio di “Express Yourself” di Madonna, certe foto che manco la Rettore e video che da trash diventano semplicemente stupidi.

Il nuovo album, come prevedibile, continua sulla rotta del precedente EP “The Fame Monster” picchiando duro con la dance/pop. Poche sorprese a livello di stile, ma la Germanotta non si è limitata al minimo sindacale con 3 minuti al pezzo più un paio di singoli e via. Si sente la maturazione sia nel cantare che nella ricerca dei suoni. C’è sempre qualcosa di interessante: salta fuori un assolazzo di chitarra heavy metal, un sassofono, beat techno…tanti piccoli dettagli a fare un solido contorno ai suoi collaudati ritornelli e ganci melodici.

Con l’opener “Marry The Night” si inaugura ufficialmente il recupero della dance anni ’90 (Corona e simili), così come con la title track, che sarà pure un plagio ma rimane divertente. Il grado di tamarraggine si alza drasticamente con i beat di “Government Hooker” e “Judas”, marchio di fabbrica della GaGa alla “Bad Romance” ed esempio più classico della sua proposta musicale. Il disco è lungo e, purtroppo, non è tutto allo stesso livello. Ci sono evidentemente alcuni filler, tipo le divagazioni italoamericane e tedesche di “Americano” e “Schaisse”, ma si può dire che anche nei riempitivi cerca di inventarsene di ogni.
Pezzi validi comunque saltano fuori anche nelle profondità del disco: l’ode a NY “Black Jesus-Amen Fashion”, il riff rock di “Bad Kids”, “Fashion Of His Love” alla Whitney Houston anni ’80, la robotica “Heavy Metal Lover”. Insomma, ce n’è per tutti i gusti…GaGa dimostra pure che il suo amore per i Def Leppard non era una sparata da geek, andando a produrre un pezzo col loro storico produttore (“You And I”).

Visto lo stato attuale di Lady GaGa nello stardom, disco e tour saranno comunque un successo. Chi la ama continuerà ad amarla e chi la odia continuerà ad odiarla. E’ ancora presto per una drastica ristrutturazione del suo sound, per ora quello che offre è la sintesi di tutto quello che ha imparato in questi anni, unito alla celebrazione dei suoi artisti preferiti. Promosso.

Marco Brambilla

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.