Music Attitude

Eminem – Relapse

È stata lunga l’attesa per il ritorno di Eminen. E come prevedibile le aspettative a riguardo sono state ben alimentate da un susseguirsi di voci, notizie, pettegolezzi vari sul rapper di Detroit: la scomparsa dell’amico e collega Proof, la riconciliazione con la moglie Kim e il successivo divorzio (un altro), una malattia non meglio specificata ai polmoni, la depressione e l’abuso di farmaci (chi si ricorda “Purple Hills”?). Possiamo dire che Mr. Mathers ha avuto le sue ragioni per lavorare così poco dal 2004 ad oggi; infatti, a parte alcune partecipazioni come guest star e qualche produzione, per trovare un suo lavoro di inediti bisogna tornare ad “Encore”.

Il nuovo album è da ascoltare anche più di una volta e con estrema attenzione, perché di certo una sola listening session non riuscirà a farvi formulare un giudizio su “Relapse”. Di fondo abbiamo un disco tipico di Eminem: tanti brani, testi martellanti, intensi, volutamente eccessivi costruiti intorno ai classici beat di Dr.Dre; rime politicamente scorrette, attacchi alle reginette del pop da Lindsay Lohan all’onnipresente Britney; racconti della sua infanzia di certo non serena e tranquilla, attacchi alla madre che lo iniziò alla droga, al patrigno che abusò di lui, a periodi in rehab e situazioni affini.
Però c’è qualcosa in più che lo rende attraente e di difficile assimilazione allo stesso tempo: forse il fatto che non troviamo filtri vocali e la voce di Eminem ad esempio in “Medicine Ball” e “Insane”, colpisce secca e diretta, al contrario dei pezzi a cui ci aveva abituati ultimamente questo genere. Forse (grazie a dio) perché le partecipazioni sono ridotte all’osso; o forse perché il pungente Slim Shady crea scompiglio e disordine come in “We Made You” e “Old Times Sake”, per citare due passaggi, lasciando spiazzato l’ascoltatore. O forse ancora perché “Underground” e “We Made You”, pur opposte con sperimentazioni l’una e clichè classici l’altra, riescono benissimo a rimanere nello stesso platter senza accapigliarsi troppo.

Quindi, prima di filosofeggiare riguardo l’effettivo valore dell’album (troppe sentenze già infestano la rete: “il disco di Eminem è pupù”, “è il disco dell’anno”, “è un superclassico anche se è uscito ieri”) bisogna interiorizzarlo e rielaborarlo, studiandolo insomma, senza farsi mettere fretta e immergendosi lyrics alla mano in quel mondo (privato e pubblico) che tanto infastidisce l’mc bianco più famoso degli States. Di certo “Relapse” non stanca tanto facilmente e rapidamente come ha fatto qualche collega di Marshall con precedenti uscite; altrettanto certamente potevamo aspettarci un disco meno ispirato o più scontato, invece una volta tanto siamo stati fortunati. Promosso e con margini di miglioramento che potrebbero svelarsi repeat dopo repeat, nell’attesa del secondo capitolo già annunciato per la fine dell’anno.

Antonella Murrone

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.