Tim Hecker – Ravedeath, 1972

A volte per descrivere un disco bellissimo servono davvero poche parole, e “Ravedeath, 1972”, sesta opera del musicista canadese Tim Hecker, è uno di questi casi.

È da un decennio esatto, ossia dall’uscita del notevole “Haunt Me, Haunt Me Do It Again” (2001), che il Nostro viene celebrato fra gli sperimentatori elettronici di maggior spessore, e il nuovo album lo conferma fra i maestri del genere. L’idea di fondo è straordinaria nella sua semplicità: tutto nasce da registrazioni d’improvvisazioni organistiche effettuate in una chiesa di Reykjavík, durante l’interminabile luminosità di una giornata dell’estate islandese. Queste verranno poi processate, modificate, alterate e integrate in studio. Tutto qui. Quello che ne scaturisce, però, è un lavoro di nobiltà quasi poetica, in cui cascate di ambient dronata interagiscono con asperità noise e rotondità sinfoniche.

Per dare un’idea, è come se le 12 tracce di “Ravedeath, 1972” siano riuscite a teletrasportare lo spirito dei ‘corrieri cosmici’ tedeschi di quarant’anni fa in una diversa dimensione spazio – temporale, ovvero nell’Islanda di oggi. O forse direttamente in un universo parallelo interiore. Fatto sta che i lunghi pedali d’organo della suite “In The Fog”, divisa in tre parti, ricordano fortissimamente il Klaus Schulze di “Irrlicht” o i Tangerine Dream di “Zeit”, così come altri episodi somigliano a estasi poste in essere da ibridi sonici ricavati dalla commistione di Popol Vuh e Yellow Swans, Terry Riley e Stars Of The Lid, e poi tutto sfuma nel pianismo pulviscolare e fantasmatico della suite conclusiva “In The Air”. Cielo, terra e mare che si confondono in un magma lattiginoso, in cui trascendenza e immanenza si fondono entropicamente. È questa la cifra stilistica dell’intero disco, amalgama di serenità contemplativa e inquietudine esistenziale in continua rivoluzione, così da mostrare ora un volto ora l’altro.

Un capitolo importante per la carriera di Hecker, fra i suoi più riusciti. Trascurarlo sarebbe un delitto.

Stefano Masnaghetti

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.