Music Attitude

Amiche per l’Abruzzo – San Siro, Milano 21 giugno 2009

 

Varco il corridoio che porta al campo da giuoco di San Siro, gli spalti sono vuoti e il manto erboso è interamente rivestito da un tappeto di gomma bianca, porte e reti sono state rimosse e al loro posto è sorto qualche baracchino per la vendita di panini, birre e sigarette. Il cielo che s’intravede dal centro della struttura è sinistramente annuvolato.
I tecnici vanno avanti e indietro; c’è chi monta transenne, chi parla ai wakly toki e chi si arrampica su imponenti ragnatele metalliche a sostegno degli amplificatori. Alcune donne in jeans e maglietta, o in freschi vestiti estivi, cantano.  Sono Laura Pausini, Giorgia, Carmen Consoli, Fiorella Mannoia e la prossima mamma Elisa, che sfoggia un tenerissimo pancione. Come inizio, non c’è male.
Mi fermo sotto il palco e assisto insieme agli addetti ai lavori alle loro prove. Stanno cantando  in quintetto “Quello che le donne non dicono” di Enrico Ruggeri.  Finiscono e spontaneamente urlo loro  “Brave!!” , qualcuna mi sorride e mi ringrazia, l’atmosfera è molto rilassata e lo spettro dell’acquazzone che aleggiava sull’evento pare essersi dissolto in un sole battente.
“Ragazze, dai che dobbiamo provare! Gianna (Nannini n.d.r.) ?? Mi ha chiamata prima, verrà direttamente stasera … “ dice Laura Pausini nei panni di un efficientissimo direttore artistico.
E’ il turno di Giorgia che prova “Di sole e d’azzurro”. La sua voce modulante rimbalza fra le curve deserte dello stadio, e il suo raro talento si insinua fra i pori della mia pelle increspandola e dandomi qualche brivido. Per me la giornata potrebbe anche finire qui, ma sono appena le due del pomeriggio e la grande maratona musicale rosa in previsione per le quattro non è ancora incominciata…

Circa 55 mila persone hanno assistito al concerto Amiche per l’Abruzzo, trasmesso per la prima volta in Italia a reti radiofoniche nazionali unificate, con annunciati quasi 40 milioni di radioascoltatori. Sul palco milanese di San Siro si sono alternate le più note cantanti italiane e l’incasso ricavato grazie alle loro esibizioni è stato interamente devoluto a favore della costruzione di una scuola abruzzese.
La manifestazione è stata aperta dalla voce eterea di Antonella Ruggero e poi fino alle 19.30 si sono esibite artiste note ed emergenti, e persino un’insolita band composta da Carmen Consoli al basso, Paola Turci alla chitarra, Marina Rei alla batteria e Nada alla voce.  C’erano proprio tutte: Irene Grandi, Giusy Ferreri, Arisa, Ivana Spagna, Siria, Alexia, Dolcenera, Anna Oxa, Malika, Paola e Chiara, Fiordaliso, Alice, Donatella Rettore, Noemi, Alessandra Amoroso e molte altre. In altre parole, come citava un simpatico slogan ufficioso della manifestazione stampato sulle magliette in vendita fuori dallo stadio… “Tante tette per tanti tetti”.

Alle 19.30 è quindi iniziata la diretta radiofonica, e la manifestazione è entrata nel clou, con le performance della big fra le big che hanno cantato cinque o sei brani ciascuna. Nell’ordine sono apparse Fiorella Mannoia, Giorgia, Elisa e le amatissime Laura Pausini e Gianna Nannini.
Apprezzabilissimi, suggestivi e inconsueti i duetti, su tutti quelli della rocker Nannini che ha interpretato con la sua voce roca canzoni melodiche come la “La solitudine” di Laura Pausini, “Come saprei” di Giorgia e “Gli ostacoli del cuore” di Elisa.
Sono poi doverosi due apprezzamenti speciali, il primo alla “padrona di casa” Laura Pausini, che oltre a rivelarsi una minuziosa organizzatrice, ha confermato una volta di più (qualora ce ne fosse stato bisogno) di avere potenza vocale, energia e padronanza del palcoscenico assolutamente uniche, e il secondo a Elisa che ha cantato con grinta e professionalità i suoi successi nonostante la gravidanza inoltrata.
Il grande concerto è durato circa fino a mezzanotte, quando tutte le artisti esibitesi nel corso della giornata e le deejay e speaker delle radio nazionali (rigorosamente donne) si sono ritrovate sul palco per cantare “Il mio canto libero” di Lucio Battisti, fra una sfolgorante pioggia di stelle filanti e coriandoli. Sicuramente un evento unico, che passerà alla storia della musica italiana.

Grazie a Sergio Palmanova

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.