Anathema + Demian – Alpheus, Roma 26 Ottobre 2008

All’arrivo troviamo un Alpheus bello pieno, nonostante l’orario da festa del liceo. Sono più o meno le 20.30 quando i francesi Demian iniziano il loro show. Il prog del terzetto non è male, con quelle parti soft pop avvinghiate a momenti pestati e rumorosissimi, fatto di contrasti e momenti di sottile psichedelia.

L’esibizione scorre piacevolmente, il pubblico sembra apprezzare. Certo, manca più che qualcosa dal punto di vista del puro intrattenimento, complice un gruppo abbastanza imbullonato per terra e un palco che non è che permetta troppi movimenti. Comunque promossi.

Gli Anathema salgono sul palco verso le 21.30. È subito chiaro che credere alla leggenda che un loro concerto possa essere noioso è da deficienti a oltranza. Le ultime volte li avevamo visti di giorno, con magliette della nazionale italiana addosso e ora ce li ritroviamo eleganti, carichi a mille e su un palco molto poco illuminato.

Hard Rock e Pink Floyd, questa è la formula per brani ispirati, carichi di pathos, intensi e che ti vivono dentro. Dal vivo sono riproposti con un’incredibile energia, senza lesinare nel rapporto col pubblico che pian piano è sempre più caldo e partecipa tanto da sorprendere la band stessa. C’è di che essere orgogliosi quando, dopo una spettacolare versione acustica di “One Last Goodbye”, un colpito Danny Cavanagh dichiara: “Ho eseguito questa canzone migliaia di volte, ma questa è stata la più emozionante di tutte”. Così per tutto il concerto, fino a quando i nostri non salutano tutti con l’immancabile  e perfetta “Confortably Numb”.

Futile una lista dei brani suonati, sapere che sono state eseguite “Far Away”, “Panic”, “Lost Control” o “Hope” non aggiunge nulla alle sensazioni magnifiche provate da chi c’era né può aiutare gli assenti a comprendere la potenza emotiva in un’esibizione degli Anathema. La prossima volta cercate di esserci.

Stefano Di Noi

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.