Battles – Magazzini Generali, Milano 6 maggio 2008


 

Ancora in tour, ancora a Milano. I Battles continuano a raccogliere sempre più successo, sempre più gente sotto al palco, sempre più facce note tra il pubblico. Il quartetto è sempre più hype.
Tutto grazie al video passato un anno fa su Mtv, ad alcuni pezzi del loro primo album (su Warp) molto danzerecci, e al giro giusto nel momento giusto.
Forse i Battles non meritano quel pubblico modaiolo accorso ai Magazzini Generali di Milano, ma comunque meritano fiotti di applausi a scena aperta, complimenti sperticati. La loro musica riesce a fondere mondi lontani, il post punk e gli intrecci matematici con l’elettronica da dancefloor. Da una parte il lato più artistoide portato da Ian Williams e soprattutto Tyonday Braxton, e dall’altra il lato più commerciale della faccenda venuto alla luce proprio con l’esordio su lunga distanza dopo gli svariati ep.

E queste due anime vivono fianco a fianco nel locale milanese. Partenza con i pezzi più spigolosi e post, condotti da una irrefrenabile e torrenziale batteria di John Stanier, passaggio per i due-tre pezzi in cui il pubblico ricorda di esistere e balla come se ci fossero i Chemical Brothers in consolle, fino alla lunga coda con pezzi incentrati sugli intrecci dei marchingegni elettronici molto psichedelici e progressive. Anche il pubblico rimane così, probabilmente diviso.

L.F. 

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.