Music Attitude

Between The Buried And Me Novara 27 ottobre 2012

between-the-buried-and-me

Il 27 ottobre 2012 i Between The Buried And Me si sono esibiti sul palco della Rock’n’Roll Arena di Romagnano Sesia in provincia di Novara, affiancati da The Safety Fire e Periphery. In barba alla pioggia e al freddo la location era davvero gremita tra gli altri da metallers più o meno attempati e ragazzini modaioli. In apertura i londinesi The Safety Fire, alla loro prima data in Italia: grinta da vedere e grande voglia di coinvolgere il pubblico, a tratti però un po’ confusi ma comunque da approfondire. I Periphery si presentano sul palco con ben tre chitarre, l’impatto sonoro è infatti massiccio, qualità tecnica ed esecutiva molto alta, compresa la voce che eguaglia senza problemi le incisioni in studio. I sei del Maryland scaldano a dovere la folla, dedicano anche una canzone al grande Rocco Siffredi e chiudono la performance con una violenta “Icarus Lives!”. Buona conferma.

E’ il turno dei Between The Buried And Me: già durante il soundcheck lo sguardo di Dustie Waring mentre setta la chitarra lascia presagire che ora le cose si faranno serie. I cinque eseguono le parti intricatissime dei loro pezzi con grande carica e una pulizia che lascia ben poco a desiderare. Il pubblico canta e urla, poga di bestia nel mezzo e ascolta ordinato ai lati, seguendo le gesta sul palco di Tommy Giles Rogers e compagni, sia sulla nuova “Astral Body” sia su tracce più vecchie come “Sun Of Nothing” o l’opener “White Walls”. Tutti i membri sono tecnicamente ineccepibili, con un affiatamento che va ben oltre la band di ragazzini che sembrano; il lavoro dietro le pelli di Blake Richardson non ha nulla da invidiare ai nomi più altisonanti della scena prog metal mondiale (anzi). Dopo i saluti di rito, il gruppo ritorna sul palco e dagli altoparlanti si diffonde la parte vocale di “Bohemian Rhapsody”, ovviamente cantata da tutti i presenti in sala: la platea va in delirio quando i Nostri attaccano con la parte strumentale, passando con disinvoltura dal fraseggio in pianoforte dei Queen alla conclusiva e violentissima “Mordecai”, capolinea dopo quasi 90 minuti di set. Nonostante un’interazione abbastanza povera coi presenti e una staticità eccessiva sul palco (giustificata in parte dalle partiture complicate da suonare), i Between The Buried And Me sono attualmente una delle band estreme da vedere assolutamente all’opera on stage.

Un plauso conclusivo alla location: piccola ma carina, buonissima qualità audio e volume adeguato all’occasione; da sottolineare infine l’essenziale presenza della spina di Moretti La Rossa.

Grazie a Mattia Chistolini


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.