Music Attitude

Concerto A Day To Remember Milano 6 novembre 2011

Concerto A Day To Remember Milano 6 Novembre 2011

L’ultima edizione dell’Eastpak Antidote Tour si è tenuta in un Alcatraz sold out, con gente proveniente da tutta Italia e non solo; la grande affluenza (che ha determinato il cambio di location rispetto all’iniziale scelta, quella dei Magazzini Generali) è stata sicuramente dovuta al grande seguito che hanno le quattro band coinvolte; una line-up interessante, con un top headliner come gli A Day To Remember capace, da solo, di creare il delirio al di fuori della venue già ore prima dell’apertura delle porte.


L’arduo compito di aprire le danze (o meglio, i moshpit) è toccato ai The Ghost Inside, band metalcore proveniente da Los Angeles. Giunti ormai al terzo disco (quarto, se si include anche “Now Or Never” registrato con il nome di A Dying Dream), i cinque non si fanno intimorire dal locale affollatissimo e con tutta l’energia possibile cominciano a riscaldare la folla; notevole la performance su pezzi come “Between The Lines“, “Chrono” e “Overlooked“, in cui il gruppo riesce a dare il meglio ed a coinvolgere tutti i presenti, segno di un’evoluzione che li porterà allo status di star in breve tempo. A seguire è il turno dei Living With Lions, giovane pop punk band canadese che porta il sound del nuovo disco “Holy Shit” (molto discusso in America a causa dei rimandi, sempre secondo i media, del packaging alla Bibbia) sul palco milanese, riuscendo ad ottenere attenzioni e simpatia del pubblico grazie a brani come il singolo “Honestly, Honestly” e “Pieces“.

Nessun dubbio sugli August Burns Red, act metalcore statunitense composto da membri dotati di grande tecnica (soprattutto per quello che riguarda la difficoltà nella resa live) e guidato dal frontman Jake Luhrs, imponente e devastante sia nella presenza scenica che nella voce, soprattutto in episodi come “Empire“, “Marianas Trench” e “Meddler“. Tanta tecnica quanta cattiveria (solamente musicale s’intende, data la tranquillità con cui si aggiravano nel backstage) e soprattutto voglia di dare al pubblico uno show indimenticabile, concluso dagli headliner di quest’edizione dell’Eastpak Antidote Tour, gli A Day To Remember.


Capitanati, come sempre, da Jeremy McKinnon, i cinque californiani di Ocala aprono le danze con “Sticks & Briks” e prendono numerosi brani dal repertorio quali “I’m Made Of Wax, Larry, What Are You Made Of?“, “If It Means A Lot To You” dal disco “Homesick” del 2009 oppure “Monument” estratta dal lavoro del 2007, “For Those Who Have Heart“. Incredibile la risposta del pubblico su pezzi come “All I Want“, “All Signs Point To Lauderdale” e “You Be Tails, I’ll Be Sonic“, un tripudio assoluto con tutto l’Alcatraz in movimento perpetuo. Le simpatiche trovate della band (un coccodrillo spara-magliette ed una bolla con cui Jeremy ha camminato sulle teste delle persone) non hanno fatto altro che far apprezzare ancor di più un’esibizione live priva di sbavature e senza alcun tempo morto.


Sicuramente, l’Eastpak Antidote Tour 2011 verrà ricordato come una serata indimenticabile per tutti i presenti, riuscita praticamente perfettamente grazie all’ottima organizzazione ed all’ottima line-up che ha fatto scoprire ai non (ancora) fan un nuovo gruppo a cui affezionarsi in breve tempo.

Federico Croci

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.