Die Apokalyptischen Reiter – Transilvania Live, Milano 24 novembre 2006

La serata comincia con l'esibizione degli Sleep Of Tethis, band italiana fautrice di un gothic metal non certo eccezionale. Escludendo infatti alcuni interessanti e particolari giri di tastiere il resto scade nel già sentito e se a questo si unisce una cantante con una pessima voce la frittata è fatta.
Finita la sofferenza, lo scarso pubblico inizia a radunarsi sotto il palco per l'esibizione dei Die Apokalyptischen Reiter, c'è tanta curiosità per quello che è il primo concerto in terra italiana del gruppo tedesco.
 
Non importa che si conoscano le loro canzoni, i Reiter sanno far divertire. Merito di una band unita e capace, di un front man carismatico e di alcune trovate sceniche spiritose, come la fan chiamata sul palco a ballare e poi regalata al Dr. Pest (tastierista sadomaso) che non trova di meglio da fare che ammanettarla alla tastiera e tornare a suonare, per poi stringerla meglio con una catena.

La scaletta privilegia l'ultima fatica del gruppo (Riders On The Storm), pescando qua e là brani dal passato. I pezzi scorrono dritti, senza sbavature, senza noia, senza pause, escludendo un intermezzo di percussioni, creando un vero e proprio clima di festa. Gli spettatori apprezzano, cantano, partecipano, urlano, per nulla intimoriti dal cantato in tedesco della maggior parte dei brani e il gruppo, nonostante sia avvezzo ad esibirsi davanti a un pubblico ben più nutrito, non si risparmia, invitando spettatori a salire sul palco, stringendo mani e dandosi da fare il più possibile.

Parliamoci chiaro, i Reiter sono quello che sarebbero stati i Manowar se fossero cresciuti in un paese in cui non c'è la tendenza a prendersi sul serio. Hanno brani diretti, d'impatto immediato, spesso autocelebrativi e inneggianti al metallo ma senza perdere la capacità di scherzare e ridersi addosso, non prendendosi sul serio ed evitando di diventare dei personaggi imprigionati in sé stessi.

S.D.N.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.