Music Attitude

Dream Theater – Datchforum, Milano 29 ottobre 2007


Rieccoli di nuovo in Italia i Dream, per la quarta di cinque date programmate nel nostro paese nell’ambito del tour di supporto al nuovo “Systematic Chaos”. L’affluenza alla data milanese è più che buona, si avvicinerà alle 10mila unità giusto prima dell’inizio del set degli headliner.
A supportare Portnoy e compagni i Symphony X, band statunitense di buona fattura, guidata dal carismatico Russell Allen e dai riffs di Michael Romeo. Nonostante diversi problemi di sound, il breve concerto degli X risulterà più che discreto: le potenzialità del quintetto sono emerse alla grande nei nuovi brani di “Paradise Lost”, conditi con un paio di salti indietro nel tempo. Indiscutibili tecnicamente, i ragazzi si sono distinti anche per il buon coinvolgimento del pubblico sotto lo stage, mostrandosi molto meno ‘freddi’ della media dei gruppi prog in circolazione.

I Dream Theater non devono più preoccuparsi di mettere i classiconi in scaletta (specialmente dopo aver suonato tutto “Images & Words” al Gods…), possono pescare tra una grande varietà di pezzi, senza rischiare di risultare poco convincenti. La qualità sonora anche questa volta è stata superba, a tratti si poteva tranquillamente dire di stare ascoltando un cd live: nessuna sbavatura, affiatamento, intesa e una precisione sovraumana. Anche queste comunque non sono novità per chi segue da qualche tempo i cinque. Il pubblico è rimasto spesse volte rapito dai passaggi più difficili, restando quasi incantato e immobile durante l’esecuzione degli stessi, scena comunque rara a un concerto di stampo prettamente metal.
L’unico punto su cui si potrebbe discutere è la scelta di una medley finale al posto di un paio di hits storiche: in effetti il mischione non ha convinto più di tanto, benché al suo interno ci fossero canzoni più che gradevoli. E’ stato anche inusuale vedere i Theater suonare poco più di due ore, quando solitamente i loro set non scendono sotto i 180 minuti.
Sicuramente una bella serata, in cui la musica di qualità l’ha fatta da padrone, lasciando soddisfatti i numerosi convenuti, specialmente chi non è esattamente avvezzo all’heavy e al progressive di queste due ottime compagini.

Setlist: Intro (2001 A Space Odyssey Theme) – Costant Motion – Strange Deja-Vu – Blind Faith – Surrounded – The Dark Eternal Night – Lines In The Sand – The Ministry Of The Lost Souls – In The Presence Of Enemies (pt.1 e 2) – Medley (Trial Of Tears, Learning To Live, Finally Free, In The Name Of God, The Godfather Theme, Octavarium).

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.