Foo Fighters Codroipo Udine 13 agosto 2012

foo fighters

Foo Fighters in concerto a Codroipo (Udine) il 13 agosto 2012: l’appuntamento di Villa Manin era nell’aria da mesi, ben prima che l’annuncio ufficiale riportasse i Foo Fighters in Italia a così breve distanza dall’ultima esibizione. Impensabile quindi perdersi uno dei concerti dell’estate 2012 sin dal momento in cui lo show è stato confermato. La location che ha già ospitato (giusto per fare due nomi da poco) Iron Maiden e Anastacia e che, a settembre, ospiterà i Radiohead, è pronta ad accogliere Dave Grohl e compagni (21:15), preceduti dai Gaslight Anthem (18:15) e dall’attesissimo Bob Mould (19:20). Tantissimi fans (serata sold-out con oltre diecimila presenze) si sono accalcati agli ingressi sin dal primo pomeriggio, sfidando senza paura sole e caldo, nutrita anche la rappresentanza del Fan Club Italiano dei Foo Fighters

I Gaslight Anthem li rivaluteremo quando torneranno per le date da headliner, vederli solo come spalle di altri alla lunga può portare a conclusioni errate o affrettate. Si impegnano e hanno diversi “buoni” nomi dietro di loro, inoltre l’ultimo disco è valido. Futuro roseo. Bob Mould è stato invece l’uomo che ha fatto nascere più interrogativi nei presenti a questo concerto: “Scusa questi chi sono?” è stata la domanda più gettonata. Risposte varie: “Il padre di Brian Molko”, “Non lo conosco io ero qua per i Gaslight” o ancora “Bob Mould, suonava negli Hüsker Dü e negli Sugar”. Quest’ultima tuttavia lasciava ancora perplessi gli interlocutori, al che in un impeto di affetto, si accennava al fatto di come i Foo Fighters abbiano leggermente subito l’influenza colossale in termini di sound di Bob al momento della loro formazione nei nineties. Sperando che la prossima volta un salto su wikipedia e youtube sia alla portata di tutti, sottolineiamo come Mould e gli altri due sbarbati che l’accompagnavano abbiano offerto una prestazione solidissima e senza pause. Omaggiato nella ricorrenza del ventennale “Copper Blue” degli Sugar e sparata qualche chicca Husker, il Nostro si congeda per poi fare ritorno (molto più tardi) sul palco insieme ai FF per un paio di pezzi.

Già i Foo Fighters. Una band colossale, rodata, scatenata e al top assoluto della forma. Un gruppo che ha trovato la quadratura del cerchio con “Wasting Light” e con un modo di fare hard rock che piace anche ai poppanti. Foo Fighters che hanno tutte le carte in regola per diventare i “Boss” (termine usato non a caso) di un’intera scena, quella del Rock duro, da qui ai prossimi vent’anni: il senso di festa, di celebrazione e il coinvolgimento interattivo tra chi è sul palco e chi è a schiattare di entusiasmo sotto è oramai a livelli ultra terreni. I FF suonano due ore e mezza spaccandosi di fatica per intrepretare e rendere al massimo brani veloci, emozionanti, immediati e da delirio collettivo. E succede così dalla fatale doppietta iniziale “White Limo/All My Life” fino a “Everlong”, passando per le cover dei Pink Floyd e Tom Petty, hits dopo hits, chicca dopo chicca (“Aurora” e “This Is A Call”). Se Grohl è davvero dio, Taylor Hawkins è i 12 apostoli, Smear è stato un rientro decisivo e tutto il gruppo si diverte tantissimo a tritare chiappe di gente che la musica pesa al massimo la “vede” su Mtv o su Virgin come nessun’altro, per lo meno a livello mainstream. Vittoria completa? Sì uno dei concerti da podio per il 2012. Meglio dell’anno scorso? Sì meglio. I più “giovani” Re del Rock senza Pop davanti nel mainstream? Molto probabile.

Stefano Masnaghetti. Foto (1, 3, 4) a cura di Giuseppe Craca

Scaletta Foo Fighters:
White Limo
All My Life
Rope
Pretender
My Hero
Generator
Learn To Fly
New Way Home
Walk
Cold Day
Arlandria
These Days
Aurora
Monkey Wrench
Hey Johnny Park
This Is A Call
In The Flesh (Pink Floyd cover)
Best Of You
Times Like These
Dear Rosemary (w Bob Mould)
Breakdown (Tom Petty cover w Bob Mould)
Everlong


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.