Music Attitude

Gennaro Cosmo Parlato – Teatro Ciak, Milano 4 marzo 2006

Gennaro Cosmo Parlato propone la sua personale rivisitazione degli anni ’80 in questo spettacolo teatrale a metà strada tra il concerto, il cabaret e il musical.
Il colpo d’occhio è notevole: sulla sinistra un trio di cantanti lirici agghindati in pompa magna; sulla destra un divano dove si siedono i ‘trasformisti’, a cui Gennaro si rivolge affettuosamente come ‘ragazze’, tre checche da avanspettacolo che giocano con mille travestimenti; sullo sfondo i musicisti, defilati ma fondamentali; e al centro lui, in frac, cilindro e trucco da teatro giapponese.
E le promesse vengono mantenute: tra un brano e l’altro sono i tre travestiti a legare con brevi sketch un brano all’altro, ma ovviamente al centro c’è la brillante rilettura della musica leggera degli anni ’80 e soprattutto lui, Gennaro Cosmo Parlato, con la sua eccezionale voce e le sue notevoli capacità interpretative, anche a livello di mimica.
Anche i costumi hanno una grossa importanza, con i trasformisti che passano dalla tenuta da marinaretto a quella di signora da bordello, da quella di suora fino a quello da dama cinese che introduce la medesima mise anche per il protagonista, che per il resto rimane fedele al frac d’ordinanza.
Vengono riproposti fedelmente i brani di “Che C’è Di Strano?”, ma c’è spazio anche per una splendida ‘Video Killed The Radio Stars’ fatta a cappella dai tre lirici, e per “Out There On My Own” fatta dai trasformisti.
La dimensione live è perfetta per il tipo di operazione, tutti conoscono i brani e possono godere del lavoro notevole di rilettura e arrangiamento operato; lo spettacolo è oliato e tutto scorre ligio, anche se a volte il teatro sta un po’ stretto per dei brani che sarebbero da cantare a squarciagola come “Maledetta Primavera” o “Non Succederà Più”, mentre “Ninna Nanna” risulta veramente toccante e commovente. Uno spettacolo davvero divertente e curato in ogni suo aspetto, che ci regala un interprete davvero unico nel suo sapere giocare tra mille toni diversi, tra lirica e falsetto, con atteggiamenti da diva anni ’30 assunti con una costante ironia che conquista. Il tutto legato con una lettura scanzonata e allegra dell’omosessualità che per la durata dello spettacolo funziona, convince e affascina, riportando a icone del genere come il dottor Frank’n’further o Hedwig.

S.R.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.