Music Attitude

Green Day – Forum Assago, Milano 16 gennaio 2005

Per un grande fan dei Green Day, un loro concerto è un grosso evento, per una persona cresciuta con i pezzi di “Kerplunk”, “Dookie” e “Nimrod” avere finalmente la possibilità di trovarsi i tre pazzi californiani a qualche metro che suonano i tuoi pezzi preferiti non è certo un’esperienza comune, aggiungendo a ciò il fatto che i tre suddetti dopo un disco come “Warning”, non certo all’altezza di quelli che li hanno resi celebri e dopo tre anni di attesa, ne sfornano uno decisamente sopra la media quale è “American Idiot”, beh, permettetemi di attendere l’evento con una certa emozione. Il concerto era sold out ormai da un mese, complici sicuramente i canali di informazione musicale che hanno riportato sul piedistallo un gruppo che sembrava quasi finito e che sicuramente ha sfruttato al meglio la situazione politica e di dissenso nei confronti dell’amministrazione Bush.

Sono stati venduti quindi tutti i biglietti ed è un colpo d’occhio magnifico il forum di Assago, dodicimila persone trepidanti e un grande palco con scenografie mutevoli che accompagneranno il corso dello show. Ad aprire i Green Day gli americani New Found Glory, un’oretta di musica senza grandi pretese, ma che aiuta ad aumentare ulteriormente l’attesa nei presenti.

Finalmente sul palco i Green Day, luci spente, si attacca fortissimo con “American Idiot” e il pubblico va in delirio, un’unica massa di gente che canta, si muove, salta, è una vera e propria festa. Seguono altri pezzi dall’ultimo album, “Jesus of suburbia” (eseguita interamente in maniera magistrale), “Holiday”, “Are we the waiting” e “Saint Jimmy”, non c’è un attimo di tregua. Billie Joe è il solito anfitrione, si muove in continuazione, conversa con il pubblico, lo incita, il palco è la sua vera dimensione, ha la gente in pugno con un solo sguardo e lo sa bene. Seguono altri brani ripescati tra gli album precedenti, “Hitchin’ a ride”, “When I come around”, “Basket case” (il delirio più assoluto), oltre al classico momento in cui un paio di spettatori salgono sul palco e suonano insieme a loro, con stage diving finale. Il concerto si chiude con una sentita e acclamata “Time of your life”, poi è veramente tutto.
I Green Day si sono rivelati una delle migliori live band del momento, un’esecuzione impeccabile, suoni ottimi e una presenza scenica da fare impallidire il 90% dei gruppi in circolazione. Merito soprattutto di Billie Joe, questo è vero, ma anche di una band che nel corso degli anni nel bene e nel male è rimasta sempre la stessa e la cosa è ben evidente dall’incredibile intesa che i tre hanno sul palco.

L.N.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.