Jamie Stewart – La Casa 139, Milano 14 maggio 2009

 

Jamie Stewart è solo, sul palco. Una semicirconferenza di effetti per chitarra disegnata intorno ai piedi e due microfoni, uno per la loop station e uno per la sua voce, delimitano il territorio. E’  affascinante vederlo supplire alla mancanza dei musicisti con richiami per uccelli e fischietti, o vedere Caralee McElroy rimpiazzata da uno stilofono, quel sintetizzatore “da tasca” che si suona con una pennina.

Il concerto che Jamie ci regala è di un’intensità veramente rara: è una presenza statuaria, quella in controluce sul palco. Urla, con la voce rotta, o canta in un sussurro della fragilità della vita e dell’autostima, dell’amore quello che devasta, stravolge.
Stravolti sono anche i pezzi degli XiuXiu: Jamie li rovescia, li maltratta. prende “I Luv The Valley, Oh!” e la sommerge con la distorsione della chitarra, canta “Fabulous Muscles” come se fosse una canzoncina, ci tiene in pugno somministrandoci i pezzi nuovi (“Dear God, I Hate Myself” sicuramente la più toccante) col contagocce.

Stupisce come sempre il contrasto fra la lucidità con cui Jamie, nei suoi testi, si fa carico delle ansie e delle paure di una certa società di oggi (dall’AIDS alle guerre di Bush, all’incapacità di amare) e il coinvolgimento emotivo con cui poi le affronta sul palco, dove diventano questioni personali. Il congedo è affidato ad una sghemba “Ceremony”, quasi parodizzata dal suono dello stilofono e dai richiami per uccelli, che ci accompagna alla fine di uno spettacolo tortuoso e magari a tratti incomprensibile per molti, ma sicuramente intenso ed ispirato, un bellissimo regalo da parte di uno degli artisti più coraggiosi e visionari dei nostri tempi.

Francesca Stella Riva

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.