Music Attitude

John Zorn’s Moonchild – Teatro Manzoni, Milano 3 dicembre 2006

John Zorn torna a Milano, ancora per Aperitivo in concerto, dopo che due e passa anni fa ha presentato, proprio nell’ovazione del Teatro Manzoni, il progetto Electric Masada.

Sul palco un trio versatile ed esuberante. Joey Baron, polipo della batteria, collaboratore di Zorn e richiestissimo per il nuovo jazz di New York, Trevor Dunn al basso, già in Mr.Bungle, Fantomas e con aggressività chirurgica metal, e infine Mike Patton, plurimpegnato tra Fantomas, Pepping Tom, Mr.Bungle a sperimentatore con la sua voce. John Zorn rimane in cabina di regia a curare suoni e direzione.
Il trio mette a ferro e fuoco il teatro, dove la voce di Patton, usata come terzo strumento “jazz” solista al posto di chitarra o fiati urla, sbraita, sussurra, sputa, si fa ammaliante e poi tagliente, incentrata su un primitivismo verbale privo di parole compiute, sorta di versione al maschile di Diamanda Galas. Un’intensità e una tensione che ricordano le prove di Fantômas, Naked City e Mr. Bungle, ma soprattutto mostrano uno dei progetti più focalizzati di Zorn per una musica rituale tra spontaneità, improvvisazione e modernità.

Grazie a Luca Freddi

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.