Music Attitude

Limp Bizkit – Palasharp, Milano 18 settembre 2010

Poca sostanza e molto cazzeggio: così si traduce lo show dei Limp Bizkit a Milano. Diversamente dall’anno scorso vengono proposte “Hot Dog” e “Boiler” a discapito di “Show Me What You’ve Got”, “Rollin’” viene introdotta da una “Trust?” stoppata appena prima del verso; il resto sono le solite hit di contorno (scaletta immutata insomma) accolte da grandi boati.

Il sottoscritto sperava di sentire almeno questa volta “Pollution” o “Couterfeit” (che è stata in verità canticchiata da Durst durante una delle fasi ‘cazzeggio’), ma l’impressione avuta durante tutto lo show è che il frontman a cantare le parti più intense non ce la faccia più, preferendo così evitare certi pezzi o azzerare quasi la propria voce come è successo davvero troppo spesso durante lo show.

I Limp Bizkit sono arrivati al successo tanto rapidamente quanto sono poi scomparsi dalla scena post rap metal, complice anche la temporanea defezione di Wes Borland; hanno tuttavia la fortuna di avere composto due dischi con una densità di hit pazzesca. A quasi un decennio dalla loro fase calante sono di nuovo tra noi, formazione al completo, con un nuovo album in uscita; ma soprattutto la cosa fondamentale è che la gente è ancora interessata a loro, perché il Palasharp è discretamente pieno: insomma i presupposti per un grande ritorno e per fare bene ci sarebbero tutti.
Memore tuttavia dell’esibizione deludente dello scorso anno al RII (co-headliner assieme ai Faith No More e appena un’ora di scaletta) sapevo che anche questa volta non sarebbe stato molto diverso. Partire prevenuto ha smorzato così la delusione: un concerto di un’ora e mezza, farcito di chiacchierate, di slogan stile “vogliamoci bene, vi vogliamo bene”, di pseudo cover accennate, di basi messe in loop per riempire i vuoti e interminabili pause. Potrebbero quindi i Limp Bizkit di oggi regalare ai fans un concertone? Per intanto si adagiano sugli allori facendo il compitino: al pubblico bastano “Nookie”, “Faith” e “Take A Look Around” per godere. Se in quei 20 minuti abbondanti di nulla avessero piazzato altri 4-5 brani si parlerebbe di tutt’altra esibizione, così invece il voto ottenuto è appena la sufficienza. I Limp Bizkit attuali vanno presi così, prendere o lasciare.

Setlist: Pure Imagination (Intro) – Why Try – Break Stuff – My Generation – Livin’ It Up – Eat You Alive – Hot Dog – My Way – Re-Arranged – Boiler – Rollin’ (Air Raid Vehicle)
Encore: Behind Blue Eyes – Nookie – Take A Look Around – Faith

Nicolò Barovier

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.