Music Attitude

Marilyn Manson Milano 11 luglio 2012

Marilyn Manson Milano 11 luglio 2012

Marilyn Manson Milano 11 luglio 2012

Marilyn Manson si è esibito in concerto mercoledì 11 luglio 2012 all’Ippodromo del Galoppo di Milano, nell’ambito della rassegna Milano City Sound. Difficile descrivere lo spettacolo in poche parole. Certo è che il Reverendo, dopo un periodo di appannamento, sta risalendo la china in modo più che evidente. L’ultimo album, “Born Villain“, è il migliore da molti anni a questa parte, e persino dal vivo Brian Warner e la sua nuova band stanno riacquistando carisma, credibilità e forza d’impatto. Se nella tappa precedente in Veneto la partenza era stata bruciante, ma non altrettanto il proseguimento dello show, in quel di Milano Manson e compagni hanno allestito qualcosa di difficilmente criticabile, sia nell’esecuzione tecnica sia nella capacità di coinvolgere il pubblico. Entrati in scena con qualche minuto di ritardo, e penalizzati all’inizio da suoni piuttosto bassi e non perfettamente equalizzati, i Nostri hanno però scaricato sin da subito quintali d’adrenalina con la micidiale doppietta costituita da “Hey, Cruel World…” (dall’ultimo disco) e “Disposable Teens” (da “Holy Wood“, classic album del 2000); in particolare, è spiccata fin dall’inizio la buona vena vocale di Marilyn, che nel susseguirsi delle canzoni interpretate in serata è sì sceso un poco, ma ha saputo resistere fino all’ultimo grazie ad un’ugola parzialmente risanata.

Rispetto ai concerti immediatamente precedenti, la scaletta, probabilmente a causa del lieve ritardo, è stata decurtata in un paio di punti, ma tutto ciò non ha inficiato per la riuscita finale della rappresentazione, che si è dipanata senza grossi cedimenti per sessanta minuti abbondanti, di fronte a tre – quattromila fan decisamente partecipi e più che soddisfatti (pochi ragazzini, il pubblico era piuttosto costituito da trentenni e oltre, quasi tutti seguaci di vecchia data dell’artista americano) . Scaletta, si diceva, che ha presentato alcune canzoni tratte dall’ultima fatica, fra cui si è segnalata soprattutto “Pistol Whipped“, ideale dal vivo, ma che ha comunque privilegiato i grandi classici del contemporaneo re dello shock rock. “mOBSCENE” ha scatenato il pogo nelle prime file, mentre “Coma White/Coma Black” ha enfatizzato la componente scenica della band e del suo incontrastato frontman. Per una delle due encore, la title – track di “Antichrist Superstar” (1996), Warner rispolvererà il podio, per meglio arringare la folla e sottolineare i gesti del folle; tuttavia, a parte il consueto apparato visivo, in questo concerto ad esser privilegiata è sempre stata la componente sonora, segno, come già più sopra si affermava, di un ritrovato smalto sonoro. Prova ne è stata la conclusione, affidata ad un’atterrente versione di “The Beautiful People“, spietata nella sua marziale meccanicità. Infine, comune alle altre setlist ma comunque da citare, la chicca dell’introduzione a “The Dope Show“, costituita dal remix psichedelico/sabbathiano di “The Dope Hat“, presente in “Smells Like Children” (1995) e intitolato “Diary Of A Dope Fiend“. Unico appunto: poco più di un’ora di concerto è davvero un po’ poco.

Setlist: Intro: Suspiria (Goblin song) – Hey, Cruel World… – Disposable Teens – The Love Song – No Reflection – mOBSCENE – The Dope Show (With “Diary of a Dope Fiend” intro) – Rock Is Dead – Personal Jesus (Depeche Mode cover) – Pistol Whipped – Coma White / Coma Black – Irresponsible Hate Anthem – Sweet Dreams (Are Made of This) (Eurythmics cover) – Encore: Antichrist Superstar – The Beautiful People

Stefano Masnaghetti


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.