Music Attitude

Meat Loaf – Wembley Arena, Londra (UK) 7 dicembre 2010

E’ sbalorditivo andare a vedere Meat Loaf nel Regno Unito, alla Wembley Arena, sentire il pubblico cantare dalla prima all’ultima nota e pensare che se venisse da noi canterebbe di fronte a trenta persone all’Alcatraz…

Detto ciò, il tour di presentazione del recente “Hang Cool Teddy Bear” va a gonfie vele ovunque sbarchi e questo la dice lunga sulla forma del singer, per lo meno quella vocale.
Come noto, Meat Loaf non è mai stato un fuscello, ma negli ultimi anni qualche incertezza si era presentata durante i suoi show e il timore che l’età iniziasse a prendere il sopravvento si era insinuata in alcuni fan. Lo show di Londra ha fugato ogni dubbio a riguardo: l’inizio con “Hot Patootie” dal Rocky Horror sembra quasi una dichiarazione d’intenti, un modo per dimostrare di essere in serata di grazia; tale sensazione è confermata dall’infuocata esecuzione, dopo soli tre pezzi, di “Bat Out Of Hell”, cantata all’unisono dai venti mila presenti e vero inizio della serata per i composti inglesi di mezza età. E’ il momento dei brani tratti dall’ultimo album, in cui Meat Loaf dimostra di credere davvero molto e il cui apice è raggiunto dalla divertentissima “Losangeloser”, in cui il nostro pare un ragazzino e non un uomo di sessantatre anni.
Per tutto lo show l’immancabile controparte femminile è rappresentata dalla bravissima Patty Russo, voce perfetta per accompagnare quella del possente cantante, mentre su “Boneyard” è Imelda May a fare la propria apparizione. Finale classicissimo su “Dead Ringer For Love” con i protagonisti intenti a sparare magliette sul pubblico in estasi.
Difficile trovare aspetti negativi per uno show del genere: suoni potentissimi, acustica perfetta e grandi musicisti hanno creato un mix perfetto. Se proprio dobbiamo trovare qualcosa di negativo, è mancata parecchio la presenza di brani dal terzo capitolo di “Bat Out Of Hell” e soprattutto, ma questo non può essere annoverato tra i difetti, l’apparizione di Brian May, data per certa fino al giorno prima e saltata per un grosso incidente capitato a suo figlio. Peccato non poter vedere uno show di queste dimensioni nel nostro paese.

Setlist: Hot Patootie – If It Ain’t Broke, Break It – Bat Out Of Hell – Peace on Earth – Living on the Outside – Los Angeloser – You Took The Words Right Out Of My Mouth – Song of Madness – Animal – Rock And Roll Dreams Come Through – I’d Do Anything For Love – Two Out of Three Ain’t Bad – Paradise By The Dashboard Light – Boneyard (with Imelda May) – All Revved Up With No Place to Go – Dead Ringer For Love.

Luca Garrò

Comments

comments

      
CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.