Music Attitude

Savages, Circolo degli Artisti Roma 25 febbraio 2014

savages-concerto-milano-24-febbraio-2014

savages-concerto-milano-24-febbraio-2014

C’era davvero molta attesa per la prima data delle Savages a Roma, andata in scena il 25 febbraio 2014 presso il Circolo degli Artisti. “Silence Yourself”, primo disco della giovanissima band tutta al femminile, ha saputo conquistare gli onori della critica e lo troviamo ben piazzato in molte classifiche dei migliori album del 2013. Eppure la compagine degli scettici è sempre stata ben assortita: davvero troppo evidenti, infatti, le somiglianze della front-woman Camille Berthomier, a.k.a. Jehnny Beth, con due gigantesche icone della Dark Wave come Ian Curtis e Siouxsie Sioux. Ma ci avevano garantito che il live avrebbe messo tutti d’accordo e siamo andati a vedere.

Ad aprire il concerto gli A Dead Forest Index, molto interessanti e apprezzati. Dopo una lunga attesa appaiono sul palco le Selvagge. Non c’è che dire, il nome è quanto mai pregnante. Fin dall’attacco, affidato ad “I am here” e “She will”, le quattro ragazze non esitano a mettere in campo le loro qualità sceniche e sonore: tanta cattiveria e volume assordante. È un Dark Wave interpretato in maniera decisa, non molto raffinata. L’attitudine è infatti quella del Punk, ma con un basso gigante e una chitarra fragorosa, spesso impegnata in incursioni verso aree psych e noise.
Il singolo “Shut up” è subito ben accolto dal pubblico ed è già tempo, per Jehn, di sbottonare la camicetta. Eh sì, ora, a vederla da lontano, sembra un po’ meno Curtis. Segue una cover dei Suicide, “Dream Baby Dream”, che da un iniziale piglio alla Velvet Underground sfocia presto, e a più riprese, in un caotico noise. Le luci sono perennemente puntate verso il pubblico, a complicare il lavoro dei fotografi (del resto c’era un suggerimento, al botteghino, per far un buon uso dei cellulari). Avanti con “Strife” e “City’s full”: nelle parti in cui il cantato è monodico, quasi parlato, Jehn ricorda vagamente Grace Slick dei Jefferson Airplane. La band, dal canto suo, procede con una violenza sonica davvero rara, ed è questo l’aspetto che colpisce: menano di brutto. “No face” è dedicata alle ladies in the crowd, la platea è ormai caldissima, e c’è un bel casino sotto palco. Sul gran bel giro di basso di “Husbands” partono le prime vere pogate e la band è al culmine emozionale: forte intensità, tracce di magnetismo e buona personalità, ulteriormente dispiegate in “Hit me”. A suggellare il concerto una lunghissima versione di “Fuckers”, altro inedito.

Come sono, dunque, le Savages? A tratti – direste – veramente accattivanti, soprattutto grazie all’ammirevole devastazione sonora. Jehn è più manierata di quanto si potesse immaginare, e sebbene assieme alla sua band ostenti una discreta sicurezza nei propri mezzi, pare – direste – che non siano in fondo veramente spontanee, il che, parlando di punk, potrebbe avere il suo peso. D’altro canto, il risultato è molto credibile, soprattutto stando alla risposta del giovane pubblico presente. I meno giovani potrebbe sembrare un po’ interdetti, ma forse, alla fine, anche loro conquistati. Insomma, quasi tutto bene. C’è – direste – un solo, unico, vero neo: i 18 euro richiesti al botteghino. Decisamente troppi. Sicuramente, il grande successo internazionale ha creato non poche pressioni sulla band e su parte del pubblico addentro al genere, ma per un giudizio che possa ritenersi attendibile, dovremo aspettare un po’, consapevoli che i mezzi per un duraturo successo sono ben presenti davanti a noi.

Last, but not least: al banchetto, in vendita esclusivamente toppe e vinili. E ne sono stati venduti parecchi. In questo senso, le idee sono chiare e inequivocabili.

Cover Story: Rodolfo Sassano


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.