Music Attitude

Sean Lennon – Rainbow Club, Milano 12 febbraio 2007


Dopo ben otto anni dal disco di debutto, quell’ “Into The Sun” piaciuto a molti, ma non abbastanza da risultare un successo, Sean Lennon si è ripresentato sul mercato discografico con il gradevole “Friendly Fire” e oggi ce lo troviamo di fronte a presentare la sua nuova creatura.

La questione dei figli d’arte è trita e ritrita: devono faticare più degli altri perché vincolati alle figure dei genitori; senza il loro cognome avrebbero meno problemi etc…Però, siamo onesti: è proprio il cognome illustre ad aprire loro le porte dello spettacolo. Per quanto possibile bisogna quindi cercare di fugare i pregiudizi, di ogni tipo, e goderci l’artista per quello che è, qui e ora. Chi è allora Sean Lennon? Il concerto di stasera ci mostra un cantautore fragile, ispirato e pieno di senso dell’umorismo, con una gran voglia di divertirsi e di suonare, tanto da assistere sul palco a tutto il concerto del gruppo che lo precede, duettandovi sul finale.

Il primo disco, per sua stessa ammissione, gli è servito per capire quanto lontano si sentisse dallo stereotipo di pop star che la gente voleva che fosse. Quello che abbiamo di fronte è quindi un uomo che si è liberato di molti fantasmi, esente da ogni vincolo, sia esso parentale o di qualsiasi altro genere. Immediata si avverte una complicità totale tra Sean e la band, in modo particolare con l’amica d’infanzia Yuka Honda e tale complicità risulterà essere l’arma vincente della serata. Lo show si apre con la splendida “Dead Meat” e prosegue con la presentazione quasi totale del nuovo lavoro: si susseguono così "Wait for Me" e "Friendly Fire" al termine della quale il gruppo esegue una versione struggente di "Would I Be the One" dei T-Rex, con dedica all’amico Marc Bolan.

Il pubblico dimostra un’attaccamento che non mi sarei mai aspettato: il locale è stracolmo e le canzoni vengono intonate all’unisono dall’inizio alla fine. Sean è inoltre bravo a mantenere un contatto continuo con la platea, che gli fa richieste continue e che scambia con lui diverse battute. Quasi a premiare tale affezione giunge inaspettato un’inedito, scritto solamente da qualche giorno: è il momento più alto della serata. Dopo poco più di un’ora, però, siamo già ai saluti. Tra l’esecuzione della splendida "Parachute" e quella di"Headlight" il gruppo esce e ritorna per un paio di volte. "Spectacle" e "Falling Out of Love" concludono una serata piacevolissima, conclusasi forse troppo in fretta.

L.G.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.