Music Attitude

Sofya Gulyak – Villa Doria Pamphilj, Roma 16 luglio 2011

Sofya Gulyak Roma 16 Luglio

E’ una serata fresca e qualcuno del pubblico, che ha scalato l’amena collinetta che porta al Villino Corsini, si è provveduto di golfino e ha fatto bene.

Quando appare Sofya Gulyak (Kazan, 1979) è molto diversa dall’idea che mio ero fatto di lei. Me la immaginavo più alta e più altera, in cambio è paffutella e molto simpatica. Siede al piano, concentratissima, e si comincia.

La prima sfida è già impegnativa, la “Ciaccona in re minore” di Bach-Busoni. Bella parete da scalare che Sofya affronta riuscendo a coniugare la classicità della partitura bachiana, per violino solo, alla trascrizione-traslitterazione metamorfica di Ferruccio Busoni che fu, e questo spiega la scelta del brano, oltre che compositore anche sommo pianista.

A seguire altre vette del pianismo estremo, da Franz Liszt: la Morte di Isolde, lo Studio Trascendentale n. 12 e poi la trascinante Rapsodia Ungherese n.2. Anche qui la giovane interprete mostra maturità, intelligenza e controllo, riuscendo a non farsi dominare dalla diabolica scrittura del compositore ungherese.

La seconda parte della serata è dedicata a César Franck, a Gabriel Fauré e a Maurice Ravel. In tutti e tre i brani Sofya riesce a ben gestire le difficoltà tecniche (rispettivamente il Preludio-Corale-Fuga del compositore belga, il Notturno op. 36 del secondo ed infine “La Valse“).

Il Valzer di Ravel è sì omaggio al genere che tante e sognanti melodie aveva prodotto. Ma è anche, come il più famoso Bolero, una danza di morte, composta sul finire della Grande Guerra. Ed allora si fa fatica, nella fitta e complessa trama di note, a ritrovare la rasserenante cadenza in tre quarti. Il rigore del grande artista francese non si piega alla nostalgia del ballo ma si erge a disegnare un affresco di desolazione e di inquietudine di fronte al destino dell’uomo.

E dunque da Bach a Ravel una serata che ci ha offerto un’ampia gamma di emozioni e di stimoli. Un programma di un’ interprete che non va certo a cercarsi la via più facile.

Perché, come si dice, se piace a tutti non è Arte e se è Arte non piace a tutti.

Ancora complimenti ed auguri, Sofya.

Marco Lorenzo Faustini

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.