The Wombats – Circolo degli Artisti, Roma 15 ottobre 2008

 

Una bomba energetica. Sprizzano divertimento, freschezza, talento e “britannicità” da tutti i pori. Una live-band trascinante, composta da due liverpooliani, Mattew Murphy (voce, chitarra e tastiere) e Dan Haggies (batteria), e un norvegese, Tord Øverland-Knudsen (basso): sono i The Wombats.
Malgrado la loro “giovine’’ età le loro canzoni sono estremamente orecchiabili, grintose e davvero ben fatte (l’aver frequentato il Liverpool Institute for Performing Arts patrocinato da Paul McCartney evidentemente gli è servito parecchio), anche se (ovviamente) non modificheranno il corso della storia della musica.

Se vogliamo contestualizzarli, allora li possiamo accostare agli scozzesi Fratellis o agli inglesi The Kooks, che si pongono però su un piano più riflessivo e pop, o ancora ai Futureheads ed agli immancabili Franz Ferdinand.
Al Circolo, a Roma, si sono brillantemente esibiti proponendo il loro indie intarsiato al personalissimo postpunk/dance floor.
La sala strapiena va in delirio già dal primo pezzo del loro disco d’esordio ‘The Wombats Proudly Present: A Guide To Love, Loss and Desperation’, che sta sorprendendo tutti quanti per il successo che continua a riscuotere in patria.
Aprono con l’esilarante ‘Acappella’, il loro intro meglio riuscito, per poi miscelare i loro singoli già pubblicati, come ‘Moving To New York’  e ‘Kill The Director’ (forse i due pezzi più “maturi” del disco), con pezzi più lenti come ‘Little Miss Pipedown’ o ‘Here Comes The Anxiety’. Per concludere con pezzi da ballare senza sosta, di quelli che ti fanno sudare come ‘School Uniform’,  ‘Party In A Forest’, ‘My First Wedding’. Fino ad arrivare a quello più conosciuto che li ha consacrati, cioè la ballabilissima ‘Let’s Dance To JoyDivision’: un autentico manifesto di ciò che significa fare indie-rock nu-wave per una giovane band nel 2007.  
Lo show si chiude con un pubblico stanchissimo dopo aver ballato per un’ora e mezza ma non abbastanza per non scatenarsi al suono travolgente di ‘Backfire at the disco’, che letteralmente esaurisce le energie. BOOM!

Grazie a Luca Eufemia

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.