Andrew Paul Woodworth

Andrew Paul Woodworth ha pubblicato da poco il suo nuovo album. Ecco cosa c’ha raccontato su Eddy Ate Dynamite e non solo…

21 gennaio 2009

Quanto è cambiata la tua vita rispetto a quando militavi negli Elephant Ride?
Probabilmente più di ciò che penso e meno di quanto mi rendo conto. Mi sono dato una calmata, ma i miei amici potrebbero non essere d’accordo. Sono diventato più maturo ma i miei genitori riderebbero di un’affermazione simile. Ho imparato a rispettare la legge ma l’agente che sorveglia la mia libertà vigilata ha provato il contrario.

Qual è l’obiettivo del tuo disco Eddy Ate Dynamite?
Onestamente l’obiettivo è semplicemente scrivere delle canzoni che significano molto per me e fare in modo che venissero bene. Ho presto capito che avevo messo insieme una specie di lettera d’amore a mia moglie e un po’ di richieste di perdono indirizzate ai miei amici. Per la prima volta nella mia vita voglio essere capito e compreso.
 
Puoi dirci quali solo i temi che affronti nell’album?
Cambiamento.
Sesso.
Paura.
Sesso
Capacità di resistere a stress e cambiamenti.
Patate.
E sesso.

Quali sono i pezzi che preferisci del tuo disco?
Onestamente non ascolto molto la mia musica, in ogni modo sono “Pleasure To Meet You,” “Thick Black Mark,” “Something You Could Do” e “This Could Make Me Religious.”

Cosa ne pensi del music business oggigiorno?
E’ una materia che mi manda abbastanza in confusione onestamente. Non riesco a capire come fa un’etichetta a fare ancora soldi. Oramai è come vendere gomme da masticare a una donna senza denti. La gente non ha più bisogno di comprare musica, può rubarla quando vuole. Da un lato l’era dell’informazione è positiva perché c’è un sacco di musica disponibile. Dall’altro lato, il mercato è oramai saturo di paglia ed è difficile passare a setaccio tutto questo per trovare l’ago. Paradossalmente però io non mi sono mai trovato in una posizione migliore nel biz come oggi. Sostanzialmente sono stato fortunato a incontrare Thorsten Harm della Rodeostar che non ha per nulla paura di cercare di vendere in qualche modo ciò che faccio io.
 
Quali sono i tuoi prossimi impegni?
Sono pronto per registrare un altro disco. Prima però continuerò a fare concerti per supportare l’uscita di Eddy Ate Dynamite. Non ho suonato molti concerti in Europa, spero di farne altri prima possibile. Suonare dal vivo è davvero il motivo per il quale mi sono innamorato della musica, non mi piace più di tanto cantare in studio. Sin da giovane sono sempre stato attratto dai concerti! Oltre a questo condurrò uno show per la televisione che sto creando insieme alla mia etichetta. Si tratta di un talk show musicale in un bar: adoro parlare con la gente e cercare di scoprire i loro lati nascosti. Se tu pensi che qualcuno è normale semplicemente non lo conosci fino in fondo…

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.