Music Attitude

Fear Factory: Mechanize è la colonna sonora del mondo di oggi

Una reunion e un disco che hanno fatto discutere a qualsiasi latitudine: ecco Burton C. Bell e Dino Cazares ancora insieme sotto il monicker Fear Factory nel 2010. Li abbiamo incontrati al Rock N Roll di Milano per una videointervista poco prima della signing session, ecco cosa c’hanno raccontato.


{youtube}qrqzk3Mdjas{/youtube}

VIDEOINTERVISTA

“Mechanize” è stato un lavoro a gestazione veloce, come ci racconta Dino: “Se negli anni novanta avevamo tempistiche molto lunghe e a tratti esasperanti per comporre un album, a questo giro siamo stati rapidissimi. Pochi mesi grazie anche all’alchimia che si era creata tra noi, c’era grande energia e grande voglia di registrare qualcosa di davvero pesante.” Burton non si nasconde “E’ stato davvero bello lavorare ancora insieme al mio amico Dino, siamo riusciti a fare un disco che parla del mondo attuale, anziché del futuro com’era consuetudine una volta. “Mechanize” è la colonna sonora dell’orrendo mondo di oggi, una società automatizzata e senza scrupoli, anni fa pensando al domani, non avremmo potuto immaginare una situazione così orribile.” Dino aggiunge: “Cerchiamo sempre di far pensare con la propria testa i nostri fans e chi ci ascolta, le lyrics sono crude per inquadrare bene la situazione attuale, è per questo che il disco suona molto pesante, molti hanno detto che è il nostro disco più pestato? Bé hanno ragione, “Soul Of A New Machine” era durissimo, questo non scherza per nulla, è denso di rabbia e di passione ed energia.”

Gli chiediamo se il famoso proclama inserito nel capolavoro “Demanufacture” di quindici anni fa sia ancora attuale oggi, o meglio se sia divenuto effettivamente realtà nel 2010. Burton vuole crederci: “Bé ci stiamo avvicinando, ci sono ancora troppe persone con la mente chiusa ma lentamente si apriranno anche loro. A livello prettamente musicale le cose sono cambiate molto, e bisogna ammettere che la mente dei musicisti si è aperta molto, ogni settimana si inventa un nuovo genere grazie alla commistione tra sound e idee diverse, è tutto abbastanza eccitante.” Dino si prende ciò che spetta ai Fear Factory: “Sai quando iniziammo la nostra avventura facevamo semplicemente ciò che volevamo e ci sentivamo di suonare. Molte persone dissero ‘ehi cos’è questa roba? Death metal e voci melodiche? No non funzionerà mai!’. Oggi ci sono state un sacco di band che hanno preso questo stile come ispirazione, che hanno deciso di lasciare spazio alle idee e alla loro mente, senza barriere e pregiudizi.”

Chiediamo ai ragazzi quale secondo loro è stato il momento migliore e quello peggiore per la band: Dino non ha dubbi “Ovviamente il momento più basso è stato essere lontano per sei anni dai Fear Factory!” Burton gli fa eco “Non avere Dino per tutto quel tempo è stato molto difficile, ora siamo contenti di esser tornati a fare musica insieme! Il momento più alto invece direi indiscutibilmente l’anno 1999: raggiungemmo un successo globale e incredibile, credo proprio sia stato il picco della nostra carriera”.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.