Music Attitude

Intervista ai Gambardellas Dieci Domande a Mauro e Glenda

gambardellasd

Con il secondo disco, i Gambardellas diventano una band a tutti gli effetti. Dopo essere nati come il progetto solista di Mauro Gambardella, per il nuovo EP “Ashes”, uscito lo scorso 3 febbraio 2014 e mixato presso l’Indiehub Studio di Milano, sono state reclutate nella lineup Glenda Frassi e Grethel Frassi, rispettivamente nel ruolo di chitarra e corista e tastierista e corista.

Per la rubrica “Dieci domande a..”, i Gambardellas sono rappresentati dal fondatore Mauro e da Glenda, che ci racconteranno i loro gusti e le loro passioni, soprattutto quella di Mauro per un certo Jack White..

1 I tuoi tre dischi preferiti di sempre
Mauro: NiN “The Fragile”, QOTSA “Songs for the deaf”, The Raconteurs “Consolers of the lonely”
Glenda: Tori Amos “Under the pink”, Nirvana “Nevermind”, Pink Floyd “The wall”

2 I tuoi tre artisti / gruppi preferiti di sempre
Mauro: Dave Grohl, Jack White, Trent Reznor
Glenda: Tori Amos, Butch Vig, Pj Harvey

3 Il primo concerto al quale hai assistito
Mauro: è stato un concerto punk rock di bands locali in un pub a Dublino, avevo 16 anni, lo ricordo come una vera iniziazione al mondo della musica alternativa.
Glenda: A 16 anni ho avuto un periodo metal e non mi sono persa I Metallica al Forum. Quello è stato il mio primo concerto. Nonostante negli anni poi I miei gusti siano decisamente cambiati, ancora oggi, per quanto riguarda la struttura del palco (un’astronave) e tutti gli effetti speciali, rimane uno dei concerti più belli a cui ho assistito.

4 Il migliore concerto al quale hai assistito
Mauro: NIN nel tour di “Year Zero” all’Indipendent Day 2007 di Bologna.
Glenda: Pj Harvey & John Parish all’auditorium di Milano

5 Il miglior concerto che hai suonato
Mauro: Nel corso degli anni ce ne sono stati diversi, con i Gambardellas, in particolare, l’apertura ai Ministri al BumBum festival dell’anno scorso è stata una delle date più belle: c’erano davvero tante persone ed un palco eccezionale. Spero che la data del prossimo 31 luglio al Woodstock festival in Polonia possa diventare la nuova numero 1.
Glenda: Sarà il 31 luglio in Polonia al woodstock! Non vedo l’ora

6 Il peggiore concerto da te suonato
Mauro: Cerco sempre di dimenticare il prima possibile le date meno belle per concentrarmi maggiormente sulle seguenti. In generale le date peggiori rimangono sempre quelle in cui i fattori esterni alla band (intoppi organizzativi o tecnici) ti deconcentrano dalla musica.
Glenda: Non ne ricordo uno particolarmente brutto. Diciamo che nel periodo adolescenziale ne ho fatti tanti nelle palestre…di sicuro non devono essere stati dei gran concerti…

7 Il più importante momento della tua carriera di musicista
Mauro: Ad ora è stata la decisione di portare avanti un progetto musicale tutto mio.
Glenda: il giorno in cui ho deciso di vivere di musica

8 Il punto più basso della tua carriera
Mauro: ammetto che ci sono stati giorni in cui le difficoltà sono state tali da portarmi a pensare di smettere di provare a fare fare questo mestiere, fortunatamente la notte porta consiglio e le difficoltà si superano se ci si mette d’impegno.
Glenda: Ho avuto un momento in cui non pensavo di voler più andare avanti per via di una serie di eventi negativi. Devo dire che è stato forse il peggior momento di sempre, ma l’essermi ripresa ed essere ancora in pista mi fa maggiormente capire quanto voglia continuare a suonare

9 L’artista con il quale vorresti collaborare
Mauro: sarò monotono ma Jack White rimane sempre in cima ad una lista molto lunga.
Glenda: Annie Clark e Anna Calvi. Sono due chitarriste che ammiro moltissimo. Non mi dispiacerebbe poter collaborare con loro un giorno

10 L’artista emergente sul quale scommetteresti
Mauro: Ci sono un paio di bands con cui ci piace dividere il palco di tanto in tanto e che stimo particolarmente: The Monkey Weather e I Nastri.
Glenda: Sono abbastanza attenta al panorama indie. Devo dire che in questo momento Maria Antonietta e Thony mi ispirano molto.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.