Hurts: nuovi romantici da Manchester

E’ freschissimo di pubblicazione “Happiness”, l’album del duo inglese degli Hurts. Guardando i loro video o sfogliando il booklet del cd ci si fa l’idea di due ragazzi, Adam Anderson e Theo Hutchcraft, dall’aria un po’ freddina: hanno un look severo, da cinema d’essai. Niente di più sbagliato: di persona sono spigliati e divertenti, e sì, anche eleganti, proprio come la loro musica.

Come sono nati gli Hurts?
Da una brutta serata condita da brutta musica, circa quattro anni fa. Eravamo in questo locale a Manchester e i miei amici (spiega Theo) hanno iniziato a litigare con gli amici di Adam. Noi due ci siamo tenuti in disparte e abbiamo iniziato a parlare di Prince e Michael Jackson, dopo di che per un anno abbiamo iniziato a scrivere musica insieme. O meglio, la scrivevamo via computer: io gli rispedivo le voci sulle sue tracce di accompagnamento.

La svolta però è arrivata a Berlino…
Avevamo una band, ma non funzionava, così siamo andati a Berlino ad ascoltare musica diversa, e poi siamo stati anche tre giorni a Verona. Abbiamo lasciato la vecchia band e formato lì gli Hurts, e sempre lì abbiamo completato alcune canzoni. Appena tornati a Manchester le abbiamo buttate giù e siamo partiti per questa nuova avventura.

Verona, dopo Shakespeare, fonte di ispirazione anche per voi?
L’Italia fa una musica pop di grande emozione.

E Manchester?
C’è una bella scena, ma non si può parlare di un sound legato alla città, semplicemente perché ogni band ha il suo. Sembra che Manchester spinga la gente a esprimere la propria individualità.

A voi cosa comunica?
E’ una città moderna, interessante, ma il cielo lì è grigio scuro in inverno e grigio chiaro in estate. Il mood che ti lascia addosso è malinconico.

Come vi siete avvicinati alla musica?
I miei genitori non ascoltavano musica (racconta Adam), tanto è vero che il primo cd che ho comprato è stato “Ok Computer” dei Radiohead. Avevo 19 anni.
Il mio primo album è stato un cd di Eminen (spiega Theo ridendo). Cioè, due stili e generi che si pongono all’opposto nel mondo della musica. Ma gli Hurts nascono da questo, dal trovarsi in un punto a metà tra i nostri gusti personali.

Ascoltandovi si fa un passo indietro nel tempo, si va negli anni ’80, nel new romantic. La commistione di wave e pop melodico è nel vostro dna musicale. Quali sono i vostri punti di riferimento?
All’inizio Prince, poi Depeche Mode e Tears for Fears.

In “Devotion” duettate con Kylie Minogue: davvero è nato tutto da una vostra email?
Essì, incredibile vero? Ci serviva una voce femminile per quel brano e abbiamo sparato alto: ci vorrebbe Kylie. Le abbiamo mandato una mail che suonava più o meno così: ‘ciao, siamo due ragazzi di Manchester, vuoi cantare con noi?’. Dopo un paio di settimane ci ha risposto sì. La principessa del pop su una canzone abbastanza dark è un binomio perfetto.
Per vedere gli Hurts dal vivo l’appuntamento è il 24 ottobre ai Magazzini Generali di Milano per la loro unica data italiana.

http://www.myspace.com/ithurts
http://www.informationhurts.com/it/home/

Francesca Binfaré

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.