Intervista Lisa Hannigan a Milano il 7 maggio

lisa_hannigan

Dopo una lunga esperienza come membro della band di Damien Rice e un primo album da solista, “Sea Sew”, accolto favorevolmente dalla critica, l’irlandese Lisa Hannigan prova a fare il passo decisivo con il suo secondo disco, “The Passenger“, un insieme di canzoni tra il folk e il pop che rivelano doti cantautoriali non indifferenti. Una spintarella, almeno da noi, glielo sta dando lo spot di Sky Go in cui è stato utilizzato il singolo “What’ll I Do”. “Oggi è difficile riuscire a fare dischi, perché la gente non li compra più. Quindi uno spot tv ti può aiutare… è incredibile quanta gente sia possibile raggiungere, grazie a una pubblicità”, ammette Lisa alla vigilia del suo showcase alla Santeria di Milano. Grazie alle sue canzoni, scritte per lo più tra un concerto e l’altro (“In un certo senso il mio è un disco di viaggi, perché l’ho scritto soprattutto mentre ero lontana da casa“), Lisa sta riuscendo a farsi conoscere dal grande pubblico, apprestandosi a diventare l’ennesima star musicale proveniente dalla piccola Irlanda. Che si tratti di qualcosa nell’acqua, o meglio, nella birra che bevono da quelle parti? “Non lo so proprio cosa sia. È che per noi la musica è proprio un fatto culturale, rispettiamo qualunque cosa abbia a che fare con essa. Se c’è qualcuno in strada o in un pub che si mette a cantare, noi ci fermiamo ad ascoltarlo. Considereremmo maleducato fare il contrario“.


YouTube

A proposito di colleghi irlandesi, Lisa Hannigan non si sbilancia troppo sull’esperienza assieme a Rice (nei cui dischi, secondo molti, Lisa avrebbe esercitato un peso più importante di quanto si possa sembrare). Ma concede: “È stata una fase della mia vita fondamentale, perché mi ha permesso di fare un salto di qualità“. Un salto che l’ha portata a un’avviata carriera da solista, che per il futuro promette molto bene, dato che le canzoni di Lisa hanno il pregio di coniugare orecchiabilità e raffinatezza. Per rendersene conto è sufficiente ascoltare l’altro singolo estratto da “The Passenger”, “Knots“. “Per il video di Knots canto mentre mi sparano addosso litri di vernice. È stato divertente, ma ne devo avere bevuta tantissima!” racconta Lisa, per poi specificare che la vernice in questione è di quelle atossiche che vengono date ai bambini.” L’occasione per rendersi conto della bravura di Lisa Hannigan arriverà a breve: il 7 maggio, infatti, la nostra irlandesina si esibirà ai Magazzini Generali di Milano, unica data in Italia. Consideratevi avvertiti!


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.