Music Attitude

Maria Gadù, dal Brasile sotto il segno di Brel e Veloso

Maria Gadu ph.Marcos Hermes

Fino a pochi anni fa, pur di suonare girava ovunque, dalle strade ai piano bar, dalle città brasiliane a quelle europee. “Compresa l’Italia, dove sono stata cinque mesi” racconta la ventiquattrenne di San Paolo Maria Gadù, “infatti mi fa strano tutto questo successo, oggi, dato che fino a poco tempo fa mi trovavo a suonare davanti alla stazione Garibaldi a Milano”.
Il suo omonimo disco d’esordio ha spopolato in patria e, grazie al singolo-tormentone “Shimbalaiê“, ha cominciato a fare il giro del mondo, proprio come lei. “È stata la prima canzone che ho scritto, quando avevo dieci anni”. Eppure, proprio quello che è poi diventato il suo passaporto per il successo, ha rischiato di rimanere fuori dall’album: “In effetti all’inizio pensavo di non metterla nel disco, perché non mi piaceva proprio. La trovavo troppo naif. Ma poi ho dato retta ai consigli degli altri e in effetti oggi mi piace, non tanto perché mi ha aiutato a farmi conoscere, ma perché mi fa ricordare di come mi sentivo da bambina”.
In realtà, oltre che a “Shimbalaiê”, Maria Gadù deve il suo successo anche a due leggende della musica internazionale. Una è Jacques Brel: “Un produttore televisivo mi ha sentito mentre suonavo la sua «Ne me quitte pas» in un locale e ha deciso di inserirla all’interno di una serie tv su sua madre, che era una famosa cantante brasiliana. E da lì ho cominciato a farmi conoscere sul serio”. L’altro è Caetano Veloso, padrino della musica made in Brazil che ha dato la sua benedizione alla giovane Maria: “L’ho conosciuto perché il mio batterista, Zazinha, aveva suonato con lui: lo ha invitato a sentirci a un concerto a Rio e lui si è entusiasmato, così è nata l’idea di lavorare insieme”. Oggi Maria Gadù è così conosciuta, in Brasile, da non uscire più per strada per non essere fermata in continuazione dai fan. A parlare con Maria, però, non si ha proprio l’idea di una star montata dal successo, quanto di una qualsiasi ragazza di vent’anni. Tanto che la dedica del disco va a sua nonna, Dona Cila, a cui è anche intitolata una canzone: “L’ho scritta un mese prima che lei morisse di cancro. È stata troppo importante per me e non potevo sopportare l’idea di fare a meno di lei”. A conclusione dell’intervista, le chiediamo cosa le sia rimasto, a livello musicale, della sua permanenza in Italia: “Mi piace molto Daniele Silvestri. E anche Fabrizio De André, di cui ascolto sempre «Bocca di rosa». E poi anche i 99 Posse e la Bandabardò”. Ci si saluta, però, con un inevitabile scambio di battute calcistiche, terreno d’incontro preferenziale tra Italia e Brasile: “Certo che seguo il calcio! Tifo per una squadra di San Paolo, il Palmeiras, che un tempo si chiamava Palestra Italiana perché è nata in un quartiere italiano. Qui da voi invece ho conosciuto Pato, che è uno dei miei calciatori preferiti”.


YouTube

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.