Music Attitude

Stefan Di Maria: tra Amici e Glee

E’ stato il primo italo-americano di “Amici”: madre italiana, padre di Los Angeles, è arrivato al talent di Maria De Filippi passando per una comparsata nella serie cult “Glee”. E ora Stefan Di Maria sta preparando il suo primo album… italo-americano, ovviamente!

Perché hai deciso di partecipare a un talent italiano?

E’ stata mia madre a spingermi: sono stato colpito soprattutto dal fatto che potevi entrare nella scuola come cantautore, cosa molto rara nei talent americani. E avevo anche la possibilità di cantare sia in italiano che in inglese.

Che differenze ci sono, secondo te, tra i talent italiani e quelli statunitensi?

È “Amici” ad essere diverso da qualsiasi altro talent, perché viene mostrata anche la vita di tutti i giorni. Poi i talent americani durano molto meno.

Cosa ricordi della tua esperienza in “Glee”?

Ho fatto delle comparsate come musicista in alcune scene. Gli attori, il regista e tutto il cast si divertono molto e ho stretto amicizia soprattutto con Jonathan Groff che in “Glee” interpretava il cantante Jesse St. James.

E’ vero che parteciperai ancora?

Uscirà un’altra puntata a cui ho partecipato, sempre come comparsa.

A che punto è il tuo album?

Abbiamo scelto i pezzi e ora dobbiamo perfezionarli. Sarà un album pop ma sempre con il mio lato soul.

Canterai in inglese o in italiano?

Metà e metà.

Continui a suonare con la tua band americana?

Sì, continuo a suonare con i Feelgood e a febbraio tornerò a Los Angeles per una session con Eddie Kramer, il produttore che ha lavorato, tra gli altri, con Rolling Stone, Jimi Hendrix e David Bowie.

Com’è nato “Baggage”, l’inedito che hai presentato ad “Amici”?

E’ nato con la chitarra acustica, in camera mia. Stavo suonando degli accordi e poi è venuto il pezzo, che parla di una mia ex ragazza.

Con chi hai legato di più?

Con Giorgia e Virginio.

Chi vincerà?

Nel ballo Giulia perché è la più versatile. Nel canto se la giocano Virginio, che è un combattente, e Francesca, che piace molto.

C’è un episodio particolarmente divertente successo ad “Amici”?

Non è un vero e proprio momento, ma la prima puntata quando sono entrato come titolare è stata pazzesca: ero al settimo cielo!

Chi sono i tuoi artisti preferiti?

Jamiroquai, Michael Jackson e Prince. Tra gli italiani preferisco Nek e Raf.

I tuoi libri e i tuoi film preferiti?

Tra i libri dico “Il ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde, tra i film scelgo “Fight Club”.

Finiamo con una cosa che ami dell’Italia e degli Stati Uniti.

Dell’Italia amo lo spirito, il calore della gente e la voglia di vivere e ballare. Dell’America il fatto che la gente esca spesso a sentire cantanti sconosciuti dal vivo.

Grazie ad Andrea Missaglia

E’ stato il primo italo-americano di “Amici”: madre italiana, padre di Los Angeles, è arrivato al talent di Maria De Filippi passando per una comparsata nella serie cult “Glee”. E ora Stefan Di Maria sta preparando il suo primo album… italo-americano, ovviamente!

Perché hai deciso di partecipare a un talent italiano?

E’ stata mia madre a spingermi: sono stato colpito soprattutto dal fatto che potevi entrare nella scuola come cantautore, cosa molto rara nei talent americani. E avevo anche la possibilità di cantare sia in italiano che in inglese.

Che differenze ci sono, secondo te, tra i talent italiani e quelli statunitensi?

È “Amici” ad essere diverso da qualsiasi altro talent, perché viene mostrata anche la vita di tutti i giorni. Poi i talent americani durano molto meno.

Cosa ricordi della tua esperienza in “Glee”?

Ho fatto delle comparsate come musicista in alcune scene. Gli attori, il regista e tutto il cast si divertono molto e ho stretto amicizia soprattutto con Jonathan Groff che in “Glee” interpretava il cantante Jesse St. James.

E’ vero che parteciperai ancora?

Uscirà un’altra puntata a cui ho partecipato, sempre come comparsa.

A che punto è il tuo album?

Abbiamo scelto i pezzi e ora dobbiamo perfezionarli. Sarà un album pop ma sempre con il mio lato soul.

Canterai in inglese o in italiano?

Metà e metà.

Continui a suonare con la tua band americana?

Sì, continuo a suonare con i Feelgood e a febbraio tornerò a Los Angeles per una session con Eddie Kramer, il produttore che ha lavorato, tra gli altri, con Rolling Stone, Jimi Hendrix e David Bowie.

Com’è nato “Baggage”, l’inedito che hai presentato ad “Amici”?

E’ nato con la chitarra acustica, in camera mia. Stavo suonando degli accordi e poi è venuto il pezzo, che parla di una mia ex ragazza.

Con chi hai legato di più?

Con Giorgia e Virginio.

Chi vincerà?

Nel ballo Giulia perché è la più versatile. Nel canto se la giocano Virginio, che è un combattente, e Francesca, che piace molto.

C’è un episodio particolarmente divertente successo ad “Amici”?

Non è un vero e proprio momento, ma la prima puntata quando sono entrato come titolare è stata pazzesca: ero al settimo cielo!

Chi sono i tuoi artisti preferiti?

Jamiroquai, Michael Jackson e Prince. Tra gli italiani preferisco Nek e Raf.

I tuoi libri e i tuoi film preferiti?

Tra i libri dico “Il ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde, tra i film scelgo “Fight Club”.

Finiamo con una cosa che ami dell’Italia e degli Stati Uniti.

Dell’Italia amo lo spirito, il calore della gente e la voglia di vivere e ballare. Dell’America il fatto che la gente esca spesso a sentire cantanti sconosciuti dal vivo.

Grazie ad Andrea Missaglia

Comments

comments

      
CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.