Scampia, Italia: l’altra faccia di Gomorra

Si inaugurerà sabato 2 aprile, dalle 18:00 alle 24:00, a Palazzo Granaio di Settimo Milanese (MI), l’evento culturale itinerante “Scampia. Italia. L’altra faccia di Gomorra“, che vedrà per tutto il mese di aprile diversi angoli di Milano e dell’hinterland trasformarsi in un megafono che, attraverso il linguaggio di molteplici forme espressive, racconterà l’alternativa che esiste, insiste e resiste.

Scampia è terra di malavita, ma è anche l’area urbana a più alta densità d’associazionismo d’Italia. Un quartiere dove la sopravvivenza nella legalità è un atto di grande coraggio, dove persone il cui solo desiderio è una vita normale sono costrette a combattere ogni giorno contro un nemico assai più forte e spregiudicato. A queste persone, tante e sconosciute, che tengono la schiena dritta e combattono per difendere un pezzo di terra italiana che l’Italia ha abbandonato, sono dedicati gli incontri e gli eventi milanesi, per ricordare a tutti che la criminalità organizzata estende i suoi tentacoli su tutto lo Stivale e oltre.

Parteciperanno all’evento musicisti, fotografi, giornalisti, operatori sociali, scrittori, accademici e magistrati.

Per ulteriori informazioni:

www.scampiaitalia.it

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.