Il DocuFilm Domani Torno A Casa

Cinema Nuovo Sacher, Roma – venerdì 29 maggio 2009
Domani Torno A Casa, di Fabrizio Lazzaretti e Paolo Santolini
Montaggio Clelio Benevento
Suono Pietro Jona
Scritto da Clelio Benevento, Fabrizio Lazzaretti e Paolo Santolini
Fotografia di Fabrizio Lazzaretti e Paolo Santolini
Direttore di Produzione Barbara Lombardi
Assistente di Produzione Rachele Fontanesi
Produttori Esecutivi Fabrizio Lazzaretti e Paolo Santolini
Musiche originali Massimo Nunzi
Mix Paolo Segat
Montaggio del Suono Alessandro Feletti
Aiuto Regia Laura Greco e Pietro Jona

Kabul, Afghanistan e Kartoum, Sudan – 2008

Qualche volta la musica può – deve – lasciare spazio al silenzio. Quando il silenzio diventa preludio al racconto, quando apre un passaggio emotivo, favorendo concentrazione e rispetto. In silenzio ci siamo posti all’ascolto – il silenzio è ascolto – della narrazione della storia di Murtaza e Yagoub. Murtaza ha sei anni quando incontra una mina nella periferia di Kabul, la raccoglie, la porta a casa. Quell’oscuro oggetto del desiderio che finisce per esplodere tra le sue mani infantili e le porta via. Il silenzio di Kabul è squarciato dall’emergenza guerra, lontana ma non diversa da quella del Sudan. Yagoub a 15 anni soffre di cuore, insufficienza mitralica, e il suo diritto alla salute viene negato nel campo profughi di Kartoum. In attesa che l’ospedale venga costruito a Soba, in attesa di poter essere operato.
“Domani torno a casa” è un docufilm che prova a raccontare, attraverso le parole dei due bambini protagonisti, attraverso il percorso che dalla malattia li porterà alla guarigione, un percorso comune a tanti bambini e tanti adulti, vittime di guerra, che vedono negato il diritto a essere curati. Racconta della risposta che Emergency prova a dare attraverso i due ospedali realizzati in Afghanistan e in Sudan. Attraverso l’impegno e la passione dei tanti, sanitari e non, che scelgono di dedicare una parte della loro esistenza alla resistenza dei tanti, troppi, Murtaza e Yagoub che lottano per sopravvivere e tornare a casa. Nove mesi di riprese, 360 ore il girato, per un cinema della realtà che vuole raccontarla tutta, la realtà, senza filtri né mediazioni. Un cinema che “non è obbiettivo e non ha un obbiettivo”, ci ricorda Vauro, presente in sala insieme ai due registi e al padrone di casa Nanni Moretti, per la presentazione del film. Immagini dure, ruvide, montaggio incalzante, quanto dura e ruvida e incalzante può essere la realtà. La telecamera che entra spietata nell’ospedale e lo svela senza pietismi né sconti. Anche se la speranza non viene mai a mancare. Nei giochi dei bimbi mutilati, nelle loro corse forsennate tra i corridoi dell’ospedale, sopra carrozzine che possono diventare improvvisi bolidi da Formula Uno. Nella storia di Murtaza e Yagoub che domani tornano a casa.

Grazie a Zdenka Rocco

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.