Connect with us

Interviste

Area Covid-19: Zoizi

Published

on

Si intitola “Benzina al cuore” il nuovo singolo di Jody Zojzi, in arte Zoizi, cantautore classe ‘90 che nasce a Tirana e si trasferisce in Italia con la famiglia all’età di un anno. Nel 2019 l’artista pubblica il suo singolo d’ esordio, “Pazzo di te”, e durante lo stesso anno apre cinque concerti del tour di Francesco Renga. Lo scorso gennaio è uscito sulle piattaforme digitali il suo secondo inedito “Odore”, seguito appunto da “Benzina al cuore”, disponibile in radio e sulle piattaforme digitali dallo scorso 8 maggio. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Zoizi, che ci ha raccontato qualche dettaglio sulla sua carriera e su come sta vivendo questo particolare momento storico.

Ciao Jodi, come stai? Innanzitutto raccontaci come hai vissuto questo periodo appena trascorso e cosa trovi di diverso dalla fase 1 alla fase 2.
Ciao, sto molto bene grazie. Sono stati mesi in cui, anche da casa, non ho mai smesso di promuovere il mio progetto musicale. Ho scritto un po’ di canzoni e ho ascoltato tanta musica. Soprattutto musica internazionale.
Differenze tra fase 1 e 2? Beh, adesso c’è più caldo e questo aiuta! Poi anche solo poter fare colazione al bar magari all’aperto fa una bella differenza.

E’ da poco uscito il tuo singolo “Benzina al cuore”, ti va di parlarci del progetto?
E’ un progetto musicale che è nato un anno fa circa e che ha lanciato i miei primi tre singoli. “Benzina al cuore” è l’ ultimo uscito. Sono molto felice di questo percorso anche perché siamo solo all’inizio. Sicuramente arriverà un album e perché no? L’ estate è vicina. Magari un nuovo singolo.

La maggior parte dei concerti è stata annullata, com’è vivere da artista la distanza dal proprio pubblico? Quale pensi possa essere una soluzione per tornare a una sorta di normalità?
Niente potrà mai battere il live! È sicuramente una mancanza enorme. Credo che dovremmo sfruttare l’ estate e gli spazi aperti dei locali o luoghi in cui si potrebbe creare un evento in sicurezza. Magari agevolando il tutto per chi in questo momento non può permettersi la spesa per la musica live.

Cosa dovremmo aspettarci dalla tua fase 3?
Voglio tornare sui palchi .Toccare la musica con mano. Alla fine la cosa più bella è accendere il microfono e cantare. Sarà sempre così.

DISCHI