Connect with us

Interviste

October Drift, i lati oscuri della nostra esistenza in Airborne Panic Attack

Published

on

October Drift

Finalmente è uscito un nuovo lavoro degli October Drift che hanno da poco pubblicato il  video del loro ultimo singolo “Airborne Panic Attack“.Riusciamo a cibarci della loro musica con un piccolo assaggiodi nuovo materialedal loro acclamato album di debutto Forever Whatever e il successivo EP Naked, pubblicati l’anno scorso. Un video in bianco e nero, pieno di grinta che richiama i primi video grunge, di quello vero, e un brano forte e crudo che ci sbatte in faccia le angolazioni più noiose e pesanti della nostra vita. Gli October Drift sono abili compositori, virtuosi nei testi e potenti nei live e il video non fa altro che porgerci la potenza delle loro performance. Tutti questi aspetti hanno fatto sì che gli Editors li volessero in tour con loro e questo prima ancora che pubblicassero un loro album! La band di Glastonbury sarà in Italia, a Milano, ad aprire il concerto dei The Slow Readers Club il 16 febbraio 2022 al Biko Club. Datemi retta non perdeteveli.

Mi è piaciuto davvero molto il vostro ultimo singolo “Airborne Panic Attack”, le aspettative erano alte e non le avete disattese. Quando nasce l’idea di questo brano?
Sono contento che ti piaccia – la canzone è iniziata con Alex che suonava il riff, quasi per scherzo. È un approccio musicalmente abbastanza diverso per noi e il suono è stato influenzato da band come Tomahawk e Mclusky. La maggior parte della canzone – il riff e i versi, sono stati scritti prima che entrassimo in isolamento e ben prima che la portata della pandemia di coronavirus fosse evidente. Quando tutta quella roba ha colpito, il testo sembrava solo più rilevante. Abbiamo scritto il ritornello, che l’ha davvero portato alla vita e ha legato tutto insieme e abbiamo finito la canzone durante l’isolamento nel 2020.

Di voi si dicono molte cose, sicuramente la prima è la botta di energia che arriva ai vostri live. Come avete fatto a vivere senza esibirvi dal vivo?
Siamo prima di tutto una band dal vivo, ci piace stare in studio e finire di scrivere una canzone che significa qualcosa per te è una grande sensazione, ma sono gli spettacoli dal vivo, di fronte a persone vere, che ci danno la spinta maggiore. È anche il modo in cui siamo cresciuti come band, in modo molto organico – con il passaparola attraverso gli spettacoli dal vivo. Suonare dal vivo è estremamente importante per noi e qualcosa a cui speriamo di non rinunciare mai.

Proprio le vostre energiche performance sono alla base del vostro seguito, avete aperto il concerto degli Editors prima ancora di pubblicare un album, non è roba da poco. Cosa è nato da quel tour?
Siamo stati enormemente fortunati e grati agli Editors per averci portato in quel tour, i concerti sono stati incredibili. Abbiamo visitato posti bellissimi in cui non eravamo mai stati prima e abbiamo incontrato grandi persone e fatto grandi amicizie. Probabilmente la cosa più grande che è venuta da quel tour è stato Justin Lockey degli Editors che ha voluto registrare il nostro album, dopo averci visto notte dopo notte. Abbiamo passato una settimana a registrare il nostro album di debutto Forever whatever con Justin nel suo studio di Doncaster nel gennaio 2019 ed è stato pubblicato il gennaio successivo.

Avete detto che tutti noi guardiamo a visioni apocalittiche con uno strano distacco, ci dispiace, ci turbiamo ma solo per un attimo, poi continuiamo a guardare video frivoli e banali, non pensando che in qualsiasi momento uno di questi eventi potrebbe accadere proprio sotto i nostri occhi. Possono le canzoni, i testi, la musica smuovere le coscienze in maniera più profonda?
I testi all’epoca non erano troppo pensati – era come togliermi un peso dal petto e metterlo sulla carta. Questo è sempre il motivo per cui ho scritto i testi, è una sorta di liberazione che non posso sempre spiegare. Questi testi sono nati dal contrasto degli aspetti mondani della vita, e dal sentirsi poco importanti, contro l’enorme peso di questioni come il cambiamento climatico e il vedere l’odio e la divisione della gente attraverso i social media e le notizie. C’è anche qualcosa sulla velocità con cui consumiamo tutti i tipi di informazioni online che è un po’ surreale e penso che confonda e travolga. Questa canzone è come una reazione emotiva di riflesso a tutto ciò. Per rispondere alle tue domande, sì – penso che le canzoni, i testi e la musica possano certamente smuovere le coscienze e come minimo essere una potente forma di comunicazione, connessione e comprensione. Quando le persone si relazionano o si connettono con le canzoni, è una comunicazione piuttosto strana e magica, specialmente quando si contrappone ai video casuali e frivoli e ai media progettati per tenere la tua attenzione per non più di un paio di minuti.

Cos’è il caos per voi?
Ho parlato del caos del mondo visto attraverso i mass media, specialmente i social media – e di come questo possa indurre al panico e sopraffare. Un disastro climatico, una crisi dell’immigrazione, una zuppa di video di gatti potrebbe essere difficile da digerire. In un senso più ampio, però, credo di essere sempre stato attratto da un certo livello di caos – abbiamo tutti fatto il possibile per evitare un 9-5. Le finanze sono irregolari e basse, i piani e gli orari sono difficili da rispettare. Tutto è all’aria per metà del tempo e non vorremmo che andasse diversamente.

C’è già chi vi definisce virtuosi nello scrivere i vostri testi, avete molto da dire. Acoltando Airborne Panik Attack provo angoscia e sto male ma rimango perché voglio ascoltare queste rime. Dove volete che arrivino queste parole? A chi?
È una domanda difficile a cui rispondere, e non è qualcosa che consideriamo veramente quando scriviamo. Scriviamo come pura forma di espressione. Penso che si possa sentire la differenza tra un pezzo calcolato con un pubblico specifico in mente, e qualcosa creato solo per un perché. Probabilmente staremmo ancora scrivendo canzoni se fossimo le ultime persone sul pianeta. Quindi, credo che la risposta sia che vorremmo che le parole andassero a chiunque si connetta con loro. È una cosa strana e che ci rende umili quando la gente dice che la nostra musica li ha aiutati a superare un momento particolarmente difficile. Questo è il massimo che possiamo sperare, creare connessioni e fare musica che significhi qualcosa per le persone.

Il vostro album di debutto “Forever Whatever” e il successivo EP “Naked” uscito l’anno scorso sono stati acclamati dalla critica. Riuscite a rimanere sempre voi stessi nella composizione dei brani senza sentire il peso delle aspettative altrui?
Scriviamo insieme da quando eravamo adolescenti e abbiamo messo le migliori canzoni che avevamo fino ad oggi nel primo album. C’era un leggero nervosismo sul fatto che saremmo stati in grado di continuare a scrivere e produrre musica fedele a noi stessi sotto pressione. Le chiusure dell’anno scorso non ci hanno permesso di fare concerti per promuovere il nostro album di debutto ma ci ha dato il tempo di scrivere un bel po’ e registrare il secondo album. Abbiamo anche registrato e pubblicato il Naked EP, qualcosa che non avremmo fatto se non fosse stato per le circostanze, ma che sono molto contento che ora esista. Abbiamo registrato anche il secondo album da soli, con l’aiuto di Justin tramite telefonate ed e-mail. Anche questa è stata una curva di apprendimento e anche se a volte non è stato il processo più facile, penso che abbiamo fatto qualcosa di vero per noi stessi, e che riflette noi stessi e i tempi.

A quando il vostro prossimo album?
Ci saranno notizie su questo molto presto…

DISCHI