Connect with us

Interviste

Dagoba, la melancolia e la rabbia di By Night

Published

on

I Dagoba sono stati una splendida scoperta di un lunedì mattina: la band francese è tornata con un nuovo album, “By night” uscito il 18 febbraio dopo aver diviso il palco con band come Machine Head, Metallica e In Flames. I Dagoba, scoperti e pubblicati da Napalm Records, hanno accompagnato il disco con una serie di video ambientati in un mondo simile a quello di Blade Runner, fra colori fluorescenti, pioggia e volumi incredibili.

Per prima cosa: che accidenti sta succedendo in Francia. Voglio dire: ci siete voi, i Gojira, un sacco di band meravigliose. Com’è la scena li? Che sta succedendo?
(ride) non saprei davvero. Suoniamo da vent’anni ormai, forse è arrivato il momento che il mondo ci senta. La scena francese sta bene, sono felice che sempre più band siano in grado di oltrepassare i nostri confini. La musica è un linguaggio internazionale.

Onestamente: stavo lavorando e Spotify mi ha suggerito la vostra musica, ho iniziato ad ascoltarvi e il cervello mi ha fatto KA-BOOM. Incredibili. “By night” sarà sicuramente una figata. Cosa è cambiato, come avete fatto a scrivere qualcosa di così buono? La pandemia ha influito?

Prima di tutto: grazie.
Quando compongo un album per prima cosa cerco di non ripetere cose già fatte, ripetere la stessa ricetta sempre e per sempre mi annoia. Poi ovviamente il piano è quello di proporre qualcosa che ci piaccia davvero suonare, e che non sentiamo da altre band. La pandemia non ci ha influenzati. Magari ci ha dato più tempo per produrre il disco e lavorare sui dettagli, ma non parliamo di questa era oscura.

Ecco la sensazione che mi da la vostra musica: è come se ci fosse un sacco di disperazione, la dentro, che esce fuori come rabbia pura.La sento a tutto un altro livello, come se qualcosa mi urlasse nelle ossa. Che ne pensate?
Come mi ha detto un amico qualche giorno fa: sono a mio agio nel buio. Quando compongo e prendo in mano la chitarra i riff che escono fuori più naturalmente sono soprattutto oscuri. Parlando di disperazione: hai ragione, ma la definirei più melancolia. Amo questa sensazione. E’ il pensare a un bel ricordo quando sei triste. Amo quel contrasto.

Ora, domanda tecnica: come promuoverete questo disco? C’è un tour in arrivo? Verrete in Italia? Guarda qui: tre domande in una.
Saremo di nuovo in giro per le strade dell’Europa da aprile a maggio, ma sfortunatamente non ci fermeremo in Italia questa volta. Ci torneremo al più presto però! Poi prenderemo parte a qualche festival estivo, come il Resurrection e il Summer Breeze. Stiamo lavorando duro sul tour, e sono piuttosto sicuro che sarà ancora più grande dell’ultimo che abbiamo fatto, che ci ha portato in giro per quattro continenti.

Ultima domanda: se tu potessi suonare con chi vuoi, dove vuoi e quando vuoi cosa faresti?
Suonerei con i Pantera.

Foto Credit: Morgane Khoni
Tracklisting:
1    Neons
2    The Hunt
3    Sunfall
4    Bellflower Drive
5    On the Run
6    Break
7    City Lights
8    Nightclub
9    Summer’s Gone
10    The Last Crossing
11    Stellar

DAGOBA sono:
Shawter – Vocals / Machines
Richard De Mello – Guitar
Kawa – Bass
Theo Gendron – Drums

DAGOBA online:
Instagram
Facebook
Twitter
Website

DISCHI