Connect with us

Interviste

Noite, un esordio suggestivo, dal ritmo lento e ammaliante

Published

on

I Noite hanno esordito con “Sbadiglio”, il loro primo singolo, ad aprile: prodotto da Federico Dragogna e Mattia Cominotto, il pezzo viene raccontato così dalla band genovese:

“Il senso di colpa per non aver dato tutto, durante una giornata … c’è chi prova a darsi delle risposte e poi c’è chi prende le scarpe più veloci che ha e corre. Più corri e più tutto cambia velocemente. Ma quando la giornata volge al termine scopri che la maschera migliore resta quella del mattino”.

“Sbadiglio”. Ad ascoltarla e a leggere il testo mi sembrate persone mattiniere, di quelle che quando si svegliano sono subito sveglie, per così dire. È un’impressione mia e basta? Oppure la mattina vi piace davvero così tanto?

É vero solo per alcuni di noi, la forza della nostra band è nelle differenze, da come queste vanno a confondersi tra di loro fino a divenire un’unica voce.

Anche se per tutti noi la mattina ha significati diversi, è comunque un momento positivo, d’altronde il mattino ha l’oro in bocca.

Non necessariamente la mattina rappresenta l’inizio, soprattutto per chi sta sveglio la notte.

Ma la mattina vi piace perché tutto deve ancora succedere? Perché è ancora possibile che tutto succeda e perché non abbiamo ancora fatto in tempo a sbagliare qualcosa?

Sarebbe molto bello appoggiarsi all’ottica del “perché tutto deve ancora succedere”, ma purtroppo la verità è che, alla mattina appena alzati, non abbiamo ancora sbagliato nulla, forse!

Proprio ora ci rendiamo conto di come la parola “sbadiglio” sia simile a “sbaglio”, casualità?

Vi chiamate “Noite”, che significa notte in portoghese. Domanda improbabile, ma tanto non è che quelle che vi ho fatto fino ad ora siano particolarmente normali: cosa c’è di bello nella notte, secondo voi? Ho letto che “il giorno lavoriamo, ma la notte è tutta nostra” su un muro a Berlino, credo sia una cosa molto bella. Come funziona per voi?

La notte è quella coperta infeltrita in cui ti senti comodo, sicuro, senza essere mai qualcosa di tuo veramente. La notte puoi solo prenderla in prestito, una coperta che scivola ciclicamente via alle luci del giorno.

“Sbadiglio” è il vostro brano d’esordio: come vi sentite a lasciar gironzolare da solo questo bambino per le strade italiane, tutto solo? Vi ha già detto come sta andando?

Come genitori 1, 2, 3 e 4 siamo molto amorevoli, abbiamo preparato la nostra “Sbadiglio” al meglio, ora che cammina sulle sue gambe è il momento di dedicarsi ai suoi fratellini.

Saperla libero è bello, ma forse dobbiamo ancora capire cosa proviamo al riguardo!

Domanda classica: state lavorando anche a un album? Avete in programma anche dei live?

Stiamo lavorando a un album, ma nel mentre non mancheremo di far uscire qualche canzone, quest’estate faremo anche qualche live ma comunicheremo le date più avanti sui nostri canali social.

DISCHI