Evanescence Amy Lee denuncia la Wind-Up Records

evanescence

La cantante degli Evanescence Amy Lee ha citato in giudizio l’etichetta Wind-Up Records, secondo quanto dichiarato nelle ultime ore dal magazine TMZ. Alla base della denuncia, che vede coinvolta la band statunitense e quella label che ha pubblicato i loro tre studio album (l’ultimo omonimo lavoro risale al 2011), dei diritti non liquidati per un’ammontare vicino al milione e mezzo di dollari e, soprattutto, la scelta di affiancare al gruppo dei promoter non validi che avrebbero sprecato buone idee. Al momento però mancano dei riscontri ufficiali dal management del gruppo: sull’argomento non è stato rilasciato infatti alcun comunicato stampa.

L’evento che avrebbe scatenato il tutto sarebbe la cessione, avvenuta nel mese di novembre, di una buona parte del catalogo della Wind-Up Records a Bicycle Music Company, Concord Music Group e diversi affiliati: l’accordo prevedeva la cessione dei diritti anche per i tre dischi degli Evanescence, che nell’arco di un decennio hanno venduto in tutto il mondo venticinque milioni di copie.


Outune.net – Evanescence: Amy Lee presenta il nuovo album on MUZU.TV.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.