Fabrizio Bosso Quartet eccellere senza eccedere

fabrizio bosso quartet (1)

Grazie a questi tre bimbi che sono stati seduti in prima fila, attentissimi. Grazie ai loro genitori per averli portati e ai miei che non mi hanno spinto a cercare un altro lavoro. Grazie a questo pubblico meraviglioso”. Al termine di un concerto elegante e raffinato, mosso come un mare agitato, pieno di fantasia e tiratissimo, Fabrizio Bosso si inchina all’audience sondriese in un Auditorium Torelli finalmente gremito a dovere per il jazz. Non c’è quasi spazio per gli applausi tra un brano e l’altro, il quartet (insieme a Bosso,Luca Mannutza al pianoforte, Lorenzo Tucci e alla batteria e Luca Bulgarelli al contrabbasso) fila via come un treno, tra bop e swing, sussurri e barriti, calpestii ritmici e scansioni imprevedibili. Grande musica e grandi interpreti, forse il miglior quartetto che si possa avere all’Italia è arrivato alla stagione CID-Circolo Musicale di Sondrio grazie alla collaborazione con AmbriaJazz, festival itinerante locale organizzato da ForteMente e diretto con passione da Giovanni Busetto, e la rivista Jazzit. Così il pubblico del capoluogo ha potuto assistere ad un concerto di grazia e forza, robustezza sonora e inventiva musicale. La tromba di Bosso scivola dall’iniziale “Stepping Stone” di Woody Shaw, una cascata di note sparata a velocità impressionante agli accenti blues della sua “3/4” mantenendosi in bilico tra omaggi ai grandi (da manuale la “April Mist” di Tom Harrell) e proprie composizioni (“In volo”).

Sguscia tra note doppiate e triplicate, hard blues e accenti brasiliani, con virtuosismo ma senza esibizionismo, mentre Tucci, onnipresente macchina del ritmo, si muove nervoso e preciso tra piatti e tamburi, Bulgarelli sottolinea con le corde del contrabbasso elegante e felpato, Mannutza tesse trame pianistiche suggestive e brillanti. Bosso è un solista che lascia spazio adeguato ai suoi musicisti, eccelle ma non eccede, spesso quando smette di suonare si scosta e si mette ad osservare attento la costruzione del suono, le mani dietro la schiena come un omino davanti al cantiere. Poi riprende a soffiare nello strumento e la musica si impenna. Sono sussurri e grida, soffi di vento impazzito, ballad rapinose e affascinanti quelle che escono dalla sua tromba magistrale. Davvero un set straordinario, quello offerto dai quattro musicisti, e infatti il pubblico sottolinea il suo entusiasmo al termine, alzandosi in piedi per una meritata standing ovation. C’è spazio per il bis e sarà una “Mack the Knife” spesso resa irriconoscibile, tra swing e divagazioni sonore.

Paolo Redaelli. Foto di Marina Magri.

 

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.