Music Attitude

Festival di Sanremo 2018, le pagelle della finale

festival-sanremo-2018-pagelle-finale

Si è concluso ieri sera il Festival di Sanremo 2018, condotto da Claudio Baglioni, Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino. A vincere la manifestazione canora Ermal Meta e Fabrizio Moro con il brano “Non mi avete fatto niente”. Ospiti della serata: Laura Pausini, Fiorella Mannoia, Nel, Renga e Pezzali. Di seguito le pagelle della finale.

Conduttori

Claudio Baglioni 6
Il “suo” Festival è uno dei più visti degli ultimi anni. Ha fatto addirittura meglio della coppia magica Conti De Filippi. La finale ha chiuso con oltre 12 milioni 100 mila spettatori (share 58.3%) registrando il secondo miglior risultato dal 2002. In televisione vincono i numeri. Baglioni ha vinto.

Michelle Hunziker 6.5
Michelle è una che la televisione la sa fare. Certo il Festival non è Striscia la Notizia o Zelig con Bisio ma tutto sommato il giudizio complessivo delle cinque serate resta più che sufficiente.

Pierfrancesco Favino 8
Il vero mattatore di questa edizione. Da Despacito a Koltès. Il monologo che parla delle difficoltà di adattamento di uno straniero è, a mani basse, la cosa più bella di questa settimana. Bravissimo.

Cantanti in gara

Ermal Meta e Fabrizio Moro 6
Obiettivo raggiunto con più difficoltà del previsto. La coppia Meta/Moro, tra le meno simpatiche di sempre, rimarrà nella storia più che altro per il brano scopiazzato al 30%. Il regolamento dell’Eurovision Song Contest dice che non sono ammesse cover, versioni rielaborate o campionamenti di canzoni già note. Ci sarà da ridere.

Lo Stato Sociale 5
Non ci fosse stato Gabbani, l’anno prima, il Festival lo avrebbero vinto certamente i ragazzi bolognesi. Tutti parlano di nuovo, ma il nuovo che avanza è Sfera Ebbasta mica questa roba qui. Vincono il Premio Sala Stampa Lucio Dalla perché in sala stampa è da lunedì che si beve.

Annalisa 6.5 
Annalisa nemmeno quest’anno è riuscita a vincere il Festival. Però il terzo posto se lo merita tutto. Speriamo che il disco in uscita mantenga questo livello.

Ron 7
Il premio della critica va a Ron e questo lo si sapeva da tempo, inutile girarci attorno. “Almeno pensami” è una canzone che rimarrà nel tempo.

Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico 7
Per chi scrive, uno dei brani migliori di questa edizione. Premio Sergio Endrigo meritatissimo.

Max Gazzè 6
Il conte Max ottiene un dignitoso quinto posto con un brano assai difficile da recepire per gli standard odierni e che difficilmente vedremo all’interno delle playlist di Spotify.

Luca Barbarossa 5.5
La fusione tra Raul Cremona e Mannarino potevano, tutto sommato, risparmiarcela.

Diodato e Roy Paci 6.5
Dico la verità, me li aspettavo più in alto. Dopo averli massacrati la prima sera, “Adesso” è notevolmente cresciuta con gli ascolti. La versione con Ghemon, presentata venerdì, è un vero gioiellino. La sentiremo spesso.

The Kolors 6+
La roba più fresca del Festival. Non la più bella, ma almeno qualcosa che avvicina l’Italia al 2018.

Giovanni Caccamo 5
L’avesse cantato Arisa, questo pezzo sarebbe stato una della rivelazioni della 68esima edizione. Purtroppo per noi l’ha cantata Caccamo. Inconsistente.

Le Vibrazioni 5
Alla fine della fiera a essere “così sbagliato” non è stato il Festival, che ha fatto registrare numeri altissimi, ma il loro ritorno.

Enzo Avitabile e Peppe Servillo 6.5
Troppo in basso. Meritavano certamente di più. Ma si sa che la qualità in questo paese ha rotto il cazzo.

Renzo Rubino 5
Difficile, anche sforzandosi, ricordare mezza parola di questa canzone. Un vero buco nell’acqua.

Noemi 6
La rossa che rissa meritava certamente di più. Il suo scazzo con le forze dell’ordine è già storia. Purtroppo non è bastato per entrare nei cuori degli italiani. Il pezzo non era poi così male.

Red Canzian 6
Batte la coppia Facchinetti Fogli e questa è già una notizia. Il più rock di tutti. Giovani imparate da Red. #RedEsc2018

Decibel 6
Il Rouge non merita un trattamento del genere. Detto ciò, dopo il ritorno in pompa magna di Bossari spero in una reunion a Mistero. È l’Italia che lo chiede.

Nina Zilli 4.5
Il Festival di Nina Zilli ricorda quelle partite di calcio con la nebbia che finiscono zero a zero e tu dal divano non capisci un che cazzo di quello che hai visto.

Roby Facchinetti e Riccardo Fogli 5
Red Canzian 1 Roby Facchinetti e Fogli 0. Il vantaggio numerico non è bastato.

Mario Biondi 4.5
L’uomo che canta in inglese anche quando il testo è in italiano ha presentato un brano decisamente brutto. Peccato, ma tanto lo rivedremo presto.

Elio e le Storie Tese 5
Volevano l’ultimo posto e sono stati accontentati. Arrivedorci però è un bruttissimo addio.

Ospiti

Laura Pausini 6
Laringite sì, laringite no. Speriamo almeno che dopo questo sforzo riesca a riempire per ben due volte il Circo Massimo.

Fiorella Mannoia 7.5
Canta Fossati e lo fa alla grande. Nulla da dire.

Nek, Renga e Pezzali 6
Il trio delle meraviglie sale sul palco dell’Ariston e duetta manco a dirlo con Claudio Baglioni. Non aggiungono e non tolgono nulla alla lunga serata.

Comments

comments

         
CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.