Music Attitude

Il Pagante, si intitola Dress Code il nuovo singolo con Samuel Heron

il-pagante-dress-code-samuel-heron

Il giorno di “Dress Code” è arrivato, il nuovo singolo de Il Pagante è disponibile su tutte le piattaforme digitali. A sette mesi di distanza da “Too Much”, il trio milanese composto da Eddy Veerus, Roberta ‘Brancar’ Branchini e Federica Napoli aggiunge un nuovo tassello al già vasto mosaico di tormentoni a disposizione.

Il pezzo li vede duettare con Samuel Heron, ex Bushwaka, che ha da poco intrapreso la carriera da solista pubblicando, quest’estate, “Genkidama”, una raccolta di tutti i suoi singoli pubblicati dopo la separazione da Mike Highsnob. La produzione è stata affidata a Sissa, un producer bresciano di origini brasiliane, già noto alla scena dance internazionale.

Un racconto, in musica, del cambiamento del concetto di “alla moda”: tra tute, felpe oversize e look total black; la rivincita dello streetwear nei confronti del tanto detestato dress code fatto di smoking, frac e abiti lunghi. Cambiamento che si abbina perfettamente alla copertina del singolo: il “Bacio” di Hayez conta, infatti, tre diverse versioni, in ognuna delle quali i due indossano abiti sempre diversi, segno dei cambiamenti attraversati dall’Italia nel corso dell’Ottocento. Quando si dice “calza a pennello”…

Sin dal primo ascolto, è impossibile non notare una differenza con quasi tutte le canzoni uscite in precedenza: una maggiore attenzione nella costruzione delle strofe, che rende il pezzo meno ‘cantabile’, soprattutto rispetto a brani come “Pettinero” o “Ultimo”. Una svolta che non va letta necessariamente in chiave negativa, ma che sta dividendo i fan. Un vero e proprio branD, più che un brano, che porta alla ribalta tutti i marchi più in voga del momento, tanto cari ai trapper nostrani e non: dalla Dark Polo Gang a Lil Pump, passando per SferaEbbasta e Travis Scott.

Testo a cura di Felice Ragona.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.