Primal Scream Bobby Gillespie paragona i festival a dei centri commerciali

primal-scream-milano-2013

Il cantante dei Primal Scream Bobby Gillespie lancia una provocazione nei confronti dei moderni festival estivi, definendoli un’entità simile a dei centri commerciali. Ironicamente, l’annuncio è stato fatto poche ore prima del concerto da headliner a Kendal Calling, rassegna comunque elogiata, insieme ad altri piccoli festival britannici, per essere un contenitore coraggioso nel delineare la sua lineup. Di seguito parte della sua dichiarazione: “Quando penso ad un festival, mi vengono in mente quelli degli anni Sessanta e Settanta, quando i gruppi avevano la possibilità di esprimere sé stessi un po’ di più. Oggi l’aria che si respira è quella dei centri commerciali. Le persone vogliono i marchi. Vogliono Adidas, TK Maxx, Yo Sushi. Vogliono quello che conoscono del marchio, non vogliono nulla di diverso. Per me i festival sono posti dove i gruppi possono sperimentare e sfidare il pubblico, non delle vetrine per dei greatest hits. Lo spazio per le hit deve esserci, ma mi piace quando i musicisti vanno un po’ fuori dall’ordinario e ti portano altrove. Il problema è che molti sono spaventati dal prendere dei rischi e tutto questo viene dimostrato dalla loro musica“.

Gillespie si è anche sbilanciato in alcune critiche al recente show a Glastonbury, nel quale suonò con i Primal Scream prima dei suoi idoli Rolling Stones. “Eravamo lontani dal pubblico“, ha affermato il cantante, “circa cinquanta piedi. Troppo distante. Non sentivo la connessione con loro. Ma eravamo obbligati a suonare pezzi da More Light, già difficili da proporre in un contesto come Glastonbury, davanti ad un pubblico diverso dagli altri festival“.

I Primal Scream, inizialmente confermati nel ruolo di headliner al poi annullato A Perfect Day, si esibiranno nel nostro Paese a Milano il prossimo 20 novembre.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.