Music Attitude

Slipknot, il report del concerto di Padova del 2 febbraio 2016

slipknot-report-concerto-padova-2-febbraio-2016

slipknot-report-concerto-padova-2-febbraio-2016

Mi sarebbe piaciuto scrivere qualcosa sul concerto degli Slipknot a Padova a caldo, ma non sarei stata sia fisicamente che emotivamente in grado.
Già quando si parla dei propri gruppi preferiti, il rischio di non essere oggettivi è fortissimo, meglio dormirci sopra. Il problema è che nonostante mi sia concessa il lusso di quasi sette ore di sonno, la lucidità non è tornata.

Ho visto la band di Des Moines altre due volte in passato, nel 2011 e nel 2015, quindi dovrei già essermi svezzata quanto basta, ma ieri sera è stata definitivamente la mia prima vera volta. Vuoi perché la dimensione più raccolta del Gran Teatro Geox si presta a una fruizione più intensa del concerto, vuoi la compagnia, vuoi perché ero presa bene, vuoi perché erano presi bene quei nove ragazzotti là sul palco.

L’ora è mezza circa che ci hanno regalato è valsa il viaggio e l’attesa (snervante) all’interno della venue, la cui fine è annunciata dalle note di “Ashes to Ashes” di David Bowie, omaggio tanto insolito quanto stranamente gradito al pubblico di giovanissimi. Corey Taylor ha ritrovato la voce persa a Milano lo scorso anno, gli altri seguono a ruota secondo un copione sì prestabilito, ma collaudatissimo, proponendo una scaletta da scompenso cardiaco incentrata su “Iowa”, che quest’anno compie quindici anni.

“Everything Ends” per me è stato il pugno in faccia definitivo al 2015 (con un paio di mesi di ritardo, ma meglio tardi che mai): pur sotto il palco mi sentivo sbraitare sopra il casino, avevo giusto un po’ di rabbia repressa da buttare fuori. Ed è uscita tutta. Non mancano le chicche, vedi quella “Metabolic” eseguita per la prima volta in Italia, e mi hanno spiazzato sia “Killpop” che “Dead Memories”, sulle quali non avrei puntato mezza lira per la resa live. Ma qui la componente emotiva ha giocato a favore.

Ok, sono vecchia, all’attacco di “Surfacing” mi stavo già mettendo il cappotto e “Spit it Out” l’ho ascoltata nel parcheggio, ma posso dire di aver dato tutto quello che dovevo dare. Torno a casa essendomi scaricata di dosso un bel peso, e con una serenità che solo la musica mi sa dare. Anche quella di un gruppo di mascherati che di tranquillo e pacifico ha ben poco.

Slipknot – Scaletta del concerto di Padova, 2 febbraio 2016

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.