E’ morto Tommy Ramone, il batterista originale dei Ramones

tommy-ramone-morto-batterista-originale-ramones

tommy-ramone-morto-batterista-originale-ramones

Nella giornata di ieri, 11 luglio 2014, Tommy Ramone – al secolo Tamás Erdélyi – è morto all’età di 62 anni. Il batterista originale dei Ramones, ultimo dei quattro membri ancora in vita, è deceduto nella sua casa di Ridgewood Queens a New York a causa di un cancro al sistema biliare.

Ci lascia l’ultimo quarto di una delle band più importanti della storia della musica, tra i fondatori del movimento punk rock che travolse New York negli anni 70 e che cambiò per sempre il resto del mondo. Fu proprio Tommy Ramone a spingere Joey, Dee Dee e Johnny a formare una band e fu sempre lui a scegliere la formazione dei Ramones, come se i ruoli si potessero semplicemente decidere; sì, perchè furono proprio questi sgangherati newyorkesi a insegnare al mondo che chiunque poteva suonare in una rock band. Canzoni brevi, veloci e prive di orpelli: la genesi di quello che per tutti sarebbe poi diventato il “punk”, prima ancora che le prime vere matrici del genere sapessero cosa fosse.

Tommy Ramone fu il batterista del gruppo nel periodo compreso tra il 1974 (anno della fondazione) e il 1978, quasi un lustro, durante il quale co-produsse ben tre album della band. Abbandonati i Ramones – un po’ perchè poco incline allo stile di vita ricco di eccessi condotto dai suoi compagni, un po’ perchè stremato anche solo dalla vita in tour – continuò a vestire i panni del produttore, con un portfolio notevole che comprende il celebre album “Tim” dei Replacements (1985) e “Neurotica” dei Red Kross (1987), oltre ad un altro paio di co-produzioni per la sua ex-band. Il suo posto alle percussioni venne preso da Marc Bell, ribattezzato Marky Ramone, e solo in questi ultimi anni Tommy decise di inserirsi nuovamente in una formazione, dando vita agli Uncle Monk, un duo country di cui faceva parte anchela sua compagna Claudia Tienan.
Tamás Erdélyi, leggenda senza tempo, ci lascia per ultimo, dopo aver visto morire Joey, Dee Dee e Johnny nei primi anni duemila. Addio, “The last Ramone”.

“Non si trattava solo di musica, con i Ramones: era un concetto. Il concetto di riportare indietro un’emozione che mancava da tempo nella musica rock – una spinta in avanti per dire qualcosa di nuovo e diverso. All’inizio sembrava solo una cosa artistica, ma in seguito mi è sembrata una cosa che piacesse a tutti”.


Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.