New Disorder Hollywood Burns

L’Urbe, forse in virtù anche della propria grandezza, produce incessantemente realtà musicali sempre nuove. L’ennesima che ha contattato la nostra redazione si chiama New Disorder. I cinque romani si presentano con questo dischetto dal titolo che è una dichiarazione di guerra (“Hollywood Burns”) e si ritengono una band che intreccia influenze emo-core, metal e alternative rock. Alle mie orecchie, però, c’è molto di più. L’opener “Sick Feeling As You” mette in evidenza una voce ispirata a quella del vocalist dei Muse e uno stile strumentale fortemente influenzato dal progressive rock. Stilemi progressive pervadono anche le altre tracce, come la successiva “Escape”, dove nella strofa le linee vocali “museggianti” proseguono, ma nel bridge e nel refrain sfociano in tonalità che mi ricordano l’ambiente power metal melodico italiano, di gente come Labyrinth e Vision Divine.

La proposta musicale dei New Disorder è personale, variegata e non può essere ricondotta a un unico genere o stile: anche nei brani più lenti come “Another Hero To Save”, l’alone metal melodico non se ne va e inzuppa il sound del gruppo. “Last Breath” è invece un pezzo che potrebbe essere scritto dai Queens Of The Stone Age, con forti influenze stoner che poi nel refrain ritornano a chiamare in causa il metal melodico. In “Break Out To Disorder” la chitarra si divide tra linee “tirate” e passaggi neo-progressive mentre la voce imita ancora i Muse. Il disco prosegue fino alla finale “Escape Pt. II”, conservando tutte le influenze succitate e non introducendone di nuove. I New Disorder riescono ad assorbire influenze molto diverse tra loro e impastarle così intelligentemente e spontaneamente che sono riusciti ad essere quello che molte band, soprattutto emergenti, non sono: personali. Bravissimi!

Manuel Ghilarducci

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.