Syne Boundaries Of Hope

syne boundaries of hope

“Boundaries of Hope” dei torinesi Syne non è un brutto album. Le influenze affondano nel progressive rock degli ultimi anni e in particolare negli Ark di Jørn Lande (cantato e riff taglienti in particolare), ma i torinesi riescono a non suonare come una fotocopia di una fotocopia di una band qualsiasi e a ritagliarsi un proprio spaziettino. Da ammirare la capacità di fondere riff in tempi astrusi con ritornelli catchy e con un buon ritmo generale; validi in linea di massima gli assoli. Degne di nota “So What”, la ballata “Another Day” e gli effetti elettronici di “Hurting Words”.

Nulla di nuovo, comunque, ma suonato in modo piacevole nonostante strambe accordature new age. Una produzione più incisiva (in particolare per quanto riguarda la batteria) aiuterebbe enormemente il suono del gruppo, ma immagino che l’auto-produzione abbia pesato su questo aspetto portando a soluzioni più rapide ed essenziali.

Comments

comments

CONDIVIDI
Musicattitude.it
  • utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa
  • usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi
  • accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.